venerdì 4 maggio 2012

I Sonnambuli - Paul Grossman (TimeCrime 2012)



«Anche se lo sterminio ebraico da parte dei nazisti è un evento che potrebbe riempire sei milioni di romanzi, desideravo toccare l’argomento partendo da un diverso punto di vista. Ho deciso quindi di concentrarmi sulle origini della persecuzione – in particolar modo, i mesi immediatamente precedenti l’inizio del cancellierato di Hitler –, facendo sì che diventasse lo sfondo della storia. D’altro canto, visto che la Shoah è indubbiamente il peggior crimine del ventesimo secolo, mi pareva interessante raccontarne alcuni aspetti sotto forma di crime story.» 
P. Grossman

Quando un romanzo oltre che intrattenere, coinvolgere e divertire è capace anche di insegnare qualcosa a chi lo legge, allora siamo di fronte a uno di quei rari casi in cui la narrativa riesce a superare se stessa, trasformandosi in qualcos’altro. È il caso dello straordinario debutto letterario di Paul Grossman che grazie al marchio thriller di Fanucci, TimeCrime, sbarca in Italia con I Sonnambuli, un romanzo ambientato durante la scalata al potere dei nazisti.
Willi Kraus è un detective ebreo della Kriminal Polizei a cui vengono affidate le indagini riguardo il ritrovamento di un cadavere nel fiume Havel, alla periferia di Berlino. In una Germania sempre più sull’orlo del baratro, stretta tra la Grande Depressione e l’assalto al potere di Hitler e compagni, Kraus si ritroverà presto a combattere con avversari ben più pericolosi di un semplice serial killer.

Fin dalle prime pagine, Grossman ha il pregio di calare il lettore all’interno del suo mondo narrativo, corroso da un’aria malata e malsana che fa della Germania degli inizi degli anni ’30 un Paese imprigionato tra un glorioso passato e un presente difficile, in cui basta spostarsi di pochi chilometri dal centro città per rendersi conto della drammatica situazione in cui versano i tedeschi. L’autore fa muovere i suoi personaggi per le strade di Berlino, descrivendone ogni angolo, ogni palazzo, ogni vicolo: spesso si ha la sensazione di vederne i colori e di sentirne gli odori. Lo stile semplice, diretto e scorrevole di Grossman, gli permette di prendere per mano il lettore e di portarlo in giro per la città, costringendolo a non mollare la presa, rimanendo ancorato all’autore fino alla fine.

I sonnambuli è un romanzo che è molto di più di un semplice romanzo: nel racconto di Grossman si va oltre il semplice caso di omicidio, le indagini di Kraus non sono altro che una prospettiva per narrare al lettore un pezzo di storia, il pezzo più importante del secolo passato. Leggendolo si possono capire i motivi per cui l’ascesa di Hitler trovò terreno fertile, cosa si nascondeva dietro le teorie naziste, da dove esse nascevano e si può avere uno spaccato preciso e storicamente dettagliato della situazione socio-politico ed economica della Germania dei primi anni ’30. 
Il tutto è perfettamente inserito in un thriller ad altissima tensione, con momenti talmente coinvolgenti ed emozionanti da ricordare più volte importanti autori come Frederick Forsyth (il suo Dossier Odessa su tutti) o il primo Ken Follett (quello de La cruna dell’ago o di La notte sull’acqua per capirci). Una piccola frenata va registrata nel finale dove l’autore avrebbe potuto osare di più, ma la struttura costruita fino ad allora è talmente salda da reggere al calo di tensione.
In attesa delle altre due avventure con protagonista il detective Willi Kraus (di prossima uscita sempre per TimeCrime), quest’ultimo si candida a diventare uno dei nuovi eroi del thriller mondiale, un thriller che cammina a braccetto con la storia, regalandoci non solo ore di avvincente intrattenimento, ma anche interessanti approfondimenti, utili in un mondo narrativo dove spesso si tende a sorvolare la realtà per dare spazio a trame e personaggi al limite del credibile.

Articolo di Marcello Gagliani Caputo

Dettagli del libro
  • Formato: Rilegato
  • Editore: Time Crime
  • Anno di pubblicazione 2012
  • Collana: Narrativa
  • Lingua: Italiano
  • Pagine: 365 
  • Traduttore: S. Brambilla
  • Codice EAN: 9788866880035



Nessun commento: