martedì 17 maggio 2011

Silenzio bianco – Inge Lohnig (Elliot Ed.- 2011)


Duhnfort uscì chiudendosi la porta alle spalle e inspirando profondamente l'aria fresca del bosco, che racchiudeva in sé l'odore dell'autunno, dei funghi, della pioggia e del lago. Tuttavia non riusciva a soffocare l'odore della morte che ristagnava nella sua bocca come una patina di sporco.

Wolfram Heckeroth, pediatra in pensione, viene ritrovato morto da suo figlio Albert nella sua casa di villeggiatura al lago. Legato al termosifone del bagno con una cintura e massacrato di botte è stato lasciato li a morire lentamente, agonizzando assetato per quasi una settimana. Qualcuno doveva proprio avercela con lui. E' quello che pensa il commissario Duhnfort, responsabile delle indagini. Ma chi? Uno dei tre figli? Beltram ad esempio che sembra essere la pecora nera della famiglia. In casa del pediatra viene ritrovato un album con delle foto raccapriccianti. Giovani donne nude, incatenate e sottomesse. Qualcuna di loro forse ha voluto vendicarsi? Chi era realmente il Dottor Heckeroth? I suoi figli lo conoscevano veramente? Già, io suoi figli....Albert, Caroline e Beltram. Tre personalità completamente diverse e complesse.
Un thriller psicologico con risvolti inaspettati, ma anche una saga familiare molto coinvolgente.

Silenzio bianco pubblicato da Elliot nella collana Scatti è il secondo romanzo di Inge Lohnig, il primo pubblicato in Italia, con protagonista il commissario Duhnfort, un uomo comune, non un supereroe. Uno che soffre per amore, che si chiede per quanto tempo dovrà ancora mangiare da solo...
Classe 1957, considerata il nome nuovo per eccellenza del giallo tedesco, Inge Lohnig ha riscosso molto successo in Germania con il suo primo lavoro, e se le notizie che girano in rete sono vere sta già lavorando al suo terzo romanzo.
Il suo stile è molto realistico, la trama è serrata e tutti i personaggi ci vengono presentati in ogni loro sfaccettatura. Sta al lettore prestare attenzione agli indizi e smascherare il colpevole. Non sempre però è così facile e alla fine anche se tutti i pezzi sembrano combaciare qualcosa non torna e....Ma questo dovrete scoprirlo voi! Non fatevi condizionare dalle 376 pagine, vi assicuro che la lettura scorre senza annoiare. Si, forse con qualche pagina in meno mi sarei sentita meno intimorita, anche perché le prime cento pagine non danno ancora la percezione del tipo di libro che si sta leggendo, ma poi la storia prende sempre più quota e alla fine la curiosità non ti permette di mollarlo fino all'ultima pagina. Non passerà alla storia come uno dei migliori gialli della storia,ma per gli amanti del genere è comunque una lettura consigliatissima!

Articolo di Marianna "Mari" De Rossi

Dettaglio del libro
  • Editore: Elliot Edizioni
  • Anno di pubblicazione 2010
  • Collana: Scatti
  • Lingua: Italiano
  • Titolo originale: In weißer Stille
  • Lingua originale: Tedesco
  • Pagine: 379
  • Traduttore: B. Bevilacqua
  • Codice EAN: 9788861921795
  • Prezzo: 18,50€ 

2 commenti:

Cristing ha detto...

Thriller psicologico e saga familiare, molto intrigante direi....

Stefania ha detto...

Lo voglio!!!!