martedì 8 maggio 2012

Il cannibale – Jefferson Bass (Newton Compton 2012)


"...i mutamenti più profondi che stanno sconvolgendo la nostra civiltà: il nuovo rapporto con la morte, la nuova relazione col nostro corpo, le implicazioni fisiche, anzi fisiologiche della globalizzazione: il traffico di organi umani è un mercato globale con i suoi brokers, grossisti, dettaglianti, intermediari, le sue gerarchie nord/sud. Nello stesso tempo, per chi vende una parte di sé (un rene, un occhio), il corpo diventa un insieme di pezzi di ricambio, di cui alcune sono ridondanze, «esuberi». E, per gli organi di cui non c'è doppione, l'espianto dal corpo vivo sposta i limiti della morte, li rende più vaghi, delinea una regione di morte vivente o di vita già morta. Sembrano concetti astratti, ma si materializzano - letteralmente - nelle viscere delle persone, nei loro destini, in un fondale di morte che c'interroga sul senso di tutto ciò..."
Tratto da "Pezzi di ricambio" - un'inchiesta di N. Scheper Hugues e di M. Jmenez pubblicata su 
"Il Manifesto" (luglio2002)


Siamo nel Tennessee, il famoso Volounter State ( lo Stato dei Volontari) e sebbene questo soprannome si riferisca al più alto numero di volontari arruolatosi durante la Guerra del 1812 e che ebbero risolutiva importanza per la battaglia di New Orleans, il suo significato assume un sapore quasi di premonizione ed ironia se si pensa come in questo stesso Stato si sia dato "vita" ad un progetto che non ha eguali in tutto il mondo e dove, ancora una volta, la volontarietà esprime il desiderio di essere utili per un futuro migliore. A Knoxville, infatti, è stato creato un "laboratorio a cielo aperto" che si estende per circa tre acri di terreno nel centro medico dell'Università , chiamato inizialmente "Anthropology Research Facility " (1980) ed ora conosciuto universalmente con il nome "Fabbrica dei Corpi", alimentato e sostenuto dalla donazione postmortem . 
 L'Antropologia Forense e la Medicina Legale, così come forze dell'ordine e organismi come l'FBI devono i loro notevoli progressi nella rilevazione dei tempi e delle cause di morte e nella cattura degli assassini, in buona parte anche a questo luogo, dove lo studio della decomposizione dei cadaveri nelle modalità più disparate, ha fornito termini di confronto e nozioni fondamentali. Senza parlare di quanto debbano alla FdC , romanzi e serial televisive più in voga . 
 L'ideatore, il Dott. William (Bill) Bass , un genio se posso dirlo, non ha certamente avuto vita facile con la sua creatura . Molte sono state le critiche , sia di carattere etico , che di carattere legale , che negli anni ha dovuto affrontare con il suo team. Alcune di queste sono ben evidenziate in questo romanzo : Il Cannibale, scritto a due mani da William Bass ed il giornalista Jon Jefferson. 
Nel loro ottavo romanzo ( dei sette precedenti solo tre sono stati già editati in Italia : Rigor mortis, Anatomia di un delitto e Il corpo del reato ; mentre per i saggi ricordiamo "la vera Fabbrica dei Corpi" e "Uomini ed Ossa " ) il dott. Bill Brockton ( alter ego di Bass ) si confronta con tutta la gamma di problematiche possibili, sia morali ed etiche, sia quelle legate all'inevitabile cupidigia che indissolubilmente lega l'animo di moltissimi uomini a qualsiasi azione, idea od iniziativa, benchè nate con tutt'altri scopi e finalizzazioni. Brockton, direttore della Fabbrica dei Corpi, viene interpellato per un'esumazione finalizzata all'esecuzione di un test di paternità. Una cosa apparentemente di routine, ma che riserva ed apre uno scenario quasi da incubo. 

Il corpo del povero Willoughby è stato sepolto privo di arti. Il "danneggiamento" non risulta essere stato nè "registrato" dalla compagnia mortuaria, nè opera di animali o del tempo trascorso. 
Un depezzamento chirurgico e professionale. Indagare su questa "anomalia" e quindi su altre sepolture eseguite dalla stessa compagnia,ora non più funzionante, porterà il nostro dottore su piste pericolosissime. A complicare la scena occorrono, contemporaneamente, altri due "fattori" : l'FBI che stà indagando su un traffico fiorente di resti umani e la menomazione alle mani del dott. Garcia avvenuta durante un'autopsia per il ritrovamento di materiale radioattivo (mezzo con il quale è stato ucciso il prof.Novak , eminente scienziato nel tristemente famoso Mahnattan Project ). Il nostro dott. Bill si presta all'accordo segreto con gli agenti Rankin e Price al fine di smascherare gli illeciti perpetrati dalla Tissue Science and Services, una grandissima ed importante società di ricerca per i trapianti tessutali e acerrima concorrente della Orthomedica sviluppatrice al contrario di parti robotiche finalizzati anch'esse al trapianto umano. La segretezza imposta da tale collaborazione lo porterà, non solo ad un passo dal rischiare la propria vita, ma anche, il proprio posto di lavoro, la collaborazione con la sua assistente e persino il destino stesso della sua Fabbrica dei Corpi. La degenerazione, fino all'amputazione totale dei residui delle mani del dott. Garcia, invece, farà vacillare ( per un attimo ma è già abbastanza ) i suoi fondamenti etici e morali, come dottore e come uomo. 

 Dal 1758 e fino alla promulgazione dell'Anatomy Act del 1832, l'unico modo per procurarsi cadaveri da dissezionare ai fini dello studio dell'anatomia umana e delle sue patologie, era quello di rivolgersi ai cosidetti "resurrezionisti", un modo elegante di chiamare i ladri di cadaveri. Obbligati, in un certo senso, data la crescente domanda e la diminuzione di esecuzioni o condanne a dissezione ( unici casi in cui era legale appropriarsi del corpo per lo studio ). Se si pensa che ciò è avvenuto anche in epoca odierna ( l'ultimo caso è del 2006 e coinvolge un eminente chirurgo della Biomedical Tissue Services ) e che la donazione del proprio corpo alla scienza dopo la morte è , nonostante sia l'unico modo legale ormai possibile, uno "scoglio" molto arduo da superare e far "coincidere" non solo con le proprie paure ma anche con la propria professione di fede, si capisce quanto questo argomento sia vasto, profondo, dolente e sebbene qui rappresenti solo le fondamenta ove si costruisce la trama, si respiri la sua vastità e la sua grande importanza. La difficoltà di reperire donatori di organi ( o del proprio corpo postmortem ), le lunghissime liste di attese, la compatibilità da accertare con il ricevente, così come i miglioramenti nel campo degli imunosopressori ( medicinali anti-rigetto ) , o il superamento di nuove soglie nella bio-robotica, devono tutt'ora fare i conti con il dramma di chi lotta per avere almeno un futuro, se non migliore, con la povertà di una buona fetta di mondo che alimenta il mercato nero e con chi, in nome del proprio arricchimento non si fà alcuno scrupolo. Un argomento che certamente non si può sviluppare in questa sede, ma che sarà sospinto nel vostro animo se , me lo auguro e ve lo consiglio caldamente, vorrete accompagnare il dottor Brockton fino alla soluzione di questo intrigante caso. 

Il duo Jefferson e Bass ci regala un romanzo godibilissimo ed originale . Una prosa mai banale ed avvincente. Unico neo, probabilmente sarà sviluppato nel romanzo seguente ancora inedito da noi, un episodio..che "malignamente" vi lascio scoprire e che comunque non toglie nulla alla notevole bellezza dello stesso. Angolo gossip : Patricia Cornwell per il titolo e la trama del suo " La fabbrica dei corpi" si è inspirata alla creatura del dott. Bass. L'Università di Bologna nel 2003 ha presentato il brevetto per UBHand III (mano robotica per applicazioni medicali ) con l'innovativo rivestimento di materiale sintetico. Organs Watch ha dichiarato che India, Nepal, Pakistan e Turchia rappresentano i bacini più vasti per la nuova tipologia di "commercio della valigia russa" (leggi mercato nero degli organi ) . Questo romanzo intitolato in lingua originale "The bone thief " ( letteralmente " Il ladro di ossa" ) , probabilmente in italiano è stato tradotto con " Il Cannibale" vuoi per l'inflazione del termine ossa e vuoi,forse anche ,per sottolineare un termine : "cannibalizzazione" che in ambito sia meccanico che informatico si adopera per indicare il "recupero" di parti ancora valide da un intero ormai in disuso.


Articolo di Daniela "eccozucca" Contini

Dettagli del libro

  • Formato: Rilegato 
  • Editore: Newton Compton 
  • Anno di pubblicazione 2012 
  • Collana: Nuova narrativa Newton
  • Lingua: Italiano 
  • Pagine: 323 
  •  Traduttore: M. Ricci 
  • Codice EAN: 9788854135581

Nessun commento: