domenica 27 marzo 2011

Spirali - Jeffery Deaver (BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2008)


Ormai ho già scritto decine di volte quanto mi piace Deaver e quasi altrettante quanto ritenga difficile per un autore saper scrivere bene sia romanzi che racconti, per cui soprassiedo.
Ero molto curioso di avvicinarmi a questa raccolta del buon Jeffery, proprio per valutare le sue capacità e perché ero intrigato dal suo stesso annuncio, ovvero che mentre nei romanzi si sente costretto a non “tradire” il lettore, nei racconti si sente molto più libero di spiazzare portando la narrazione su binari imprevedibili.
Che dire? Sulla carta la soluzione è assolutamente intrigante e degna di un autore del genere e senza ombra di dubbio viene messa in pratica bene fino in fondo…
Eppure…
Eppure non sono entusiasta come avrei sperato.
Sì, i racconti sono originali, senza dubbio e sono scritti con le capacità ben note di Deaver, il problema è che sono spesso e volentieri “prevedibili nell’imprevedibilità”.
Mi spiego meglio: in buona parte dei racconti la vicenda prende una piega piuttosto evidente, fin troppo evidente oserei dire, tanto che ad un certo punto ci si trova a dire “beh, visto che l’autore ha detto di voler stupire, la cosa più particolare sarebbe questa”, col risultato che spesso si indovina togliendo il gusto di essere realmente stupiti.
In sostanza, proprio per la voglia di stupire e spiazzare, Deaver ha fatto l’autogol di annunciare le sue intenzioni, un po’ come un mago che racconta al pubblico cosa sta per succedere: provateci e vedrete che vi toglierà buona parte del gusto Occhiolino
Quindi in sostanza abbiamo dei racconti sicuramente ben scritti, sicuramente divertenti da leggere e mediamente appassionanti: sarebbe una gran conquista per molti autori, ma da Deaver mi aspetto di più.
Piccola chicca: tra i vari pezzi trovate anche un racconto inedito con protagonisti Lincoln Rhyme ed Amelia Sachs, nel caso vogliate leggere tutto (ma proprio tutto) dei due protagonisti.

Articolo di Sergio "Aries" Ferragina

Dettagli del libro
  • # Brossura: 408 pagine
  • # Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli (10 settembre 2008)
  • # Collana: Narrativa
  • # Lingua: Italiano
  • # ISBN-10: 8817026298
  • # ISBN-13: 978-8817026291

2 commenti:

Stefania ha detto...

Uhm...uno dei Deaver che mi mancano...non so qualcosa mi diceva di attendere a trovarlo nell'usato o super scontato, cosa che sicuramente farò se non altro per completare a poco a poco la bibliografia di uno dei miei autori preferiti.

Sam Stoner ha detto...

è capitato anche a me. Mi sono accostato ai racconti di Deaver, non quelli della raccolta da te recensita, pronto per essere stupito, e mi sono ritrovato in mezzo a finali talmente spiazzanti da essere prevedibili. Mi dicevo:"Ok, è troppo banale questo finale, vediamo cosa ha elaborato Jeff."