mercoledì 17 novembre 2010

Eros & Thanatos -A.V. (Giallo Mondadori 2010)


Già me lo sentivo fin dall’inizio. Una specie di sesto senso, di presentimento, reso più concreto dal titolo, dal sottotitolo e dalla copertina in cui una bella ragazza mora dalle labbra rosso fuoco ti fissa con un coltello in mano. Poi ho dato uno sguardo agli autori. Nemmeno un briciolo di pisello.
Destino segnato, mi sono detto. Destino segnato dell’uomo, del maschio. Non ci sarebbe stato scampo. E, infatti, a lettura avanzata, con la mano tremante a voltare le pagine e a lettura terminata con un tic nervoso ai lati della bocca, il risultato è stato sempre lo stesso: il portator di palle steso stecchito in un lago di sangue.
E non è che non se lo meritasse brutto sudicio, vigliacco, prepotente, sfruttatore, violentatore che non è altro. E spesso la punizione è stata al di sotto di ciò che si sarebbe meritato, se si eccettua il rito del cannibalismo parsomi un tantino eccessivo (e mi sono pure toccato). A dir la verità il leggero dubbio che non se ne trovasse nemmeno uno a garbo mi è ronzato nella testa, ma forse sono troppo ottimista nei confronti dei bipedi, miei compagni di sventura.
Morte, dunque, e sesso. Anzi, prima sesso e poi morte. Naturalmente. Spiattellato in tutte le salse, sviscerato nei suoi più intimi segreti con tecnica sopraffina. Come solo le donne sanno fare. Su questo alzo le mani e mi arrendo. Sesso ed erotismo sottile, seducente, coinvolgente, sporco, cattivo, perverso e violento.
E poi gelosia tremenda e tremenda vendetta, ma anche amore, via, la voglia d’amore, il desiderio d’amore, di un sorriso, di una carezza che non c’è e allora il coltello che fende e che squarcia, il sangue che sprizza. Sangue, sangue e sangue in tante, forse troppe pagine come simbolo di vendetta (già detto) e di riscatto. Racconti forti, duri, al limite della sopportazione, affilati come spade, che entrano nell’animo e nel corpo dei personaggi. E finali talora imprevisti e spiazzanti. Ai giorni nostri o nel Medioevo il risultato non cambia. La morte violenta d’amore si fa largo fra le maglie del tempo, per insediarsi dappertutto, perfino nei luoghi di pace e di preghiera dove il Male dovrebbe tenersi lontano.
Una prosa, come ho scritto altrove, ricca di molte sfaccettature, ora nervosa, scattante, in un certo senso ripetitiva e martellante a punzecchiare e mordere, ora più lenta e pacata, sottile, sinuosa nei meandri dell’animo, nelle viscere del corpo, ora di più ampio respiro e insomma una notevole padronanza del mezzo espressivo con qualche inevitabile ingenuità e ridondanza (a volte veramente troppa).
In effetti c’è in questi bei racconti al femminile una specie di rabbia repressa che viene fuori in maniera dirompente come lo scoppio di un vulcano.
E chi ci rimette è il masculo di turno (qualche volta pure la donna-nemica) brutto, sporco e cattivo. Ma io già questo me lo sentivo, me lo immaginavo dal titolo, dal sottotitolo, dalla copertina in cui una bella ragazza mora ti fissa (ma come ti fissa?) con un coltello in mano…

P.S.
Una bella antologia inficiata in parte dall’eccessivo numero delle autrici che ha generato qualche ripetizione di idee e costrutto e qualche ridondanza stilistica. Comunque tra buono e ottimo.

Lista delle autrici
  1. Introduzione di Lia Volpatti
  2. Macumba per principianti di Cristiana Astori
  3. La morte dell'innocenza di Barbara Baraldi
  4. Il sotterraneo di Daniela Basilico
  5. Poetic porno di Elisabetta Bucciarelli
  6. Progetti per il futuro di Maria Teresa Casella
  7. Falsa memoria di Marina Crescenti
  8. Miss Butterfly di Silvia Di Natale
  9. Andamento lento di Annamaria Fassio
  10. Duel di Maria Gabriella Genisi
  11. Bora di Carmen Iarrera
  12. Una vita spericolata di Diana Lama
  13. Il gallo di Ferrara di Elena e Michela Martignoni
  14. Il medaglione di Valeria Montaldi
  15. June di Lidia Parazzoli
  16. Il cavaliere, la morte e il diavolo di Ben Pastor
  17. La gabbia di Doralice di Roberta Palachin
  18. Se un teatro di notte di Daniela Piegai
  19. Prima di addormentarsi di Manuela Piemonte
  20. Come petali di crisantemo di Sacha Rosel
  21. Virginia Woolf e il generale Custer di Claudia Salvatori
  22. L'amante di Simonetta Santamaria
  23. Towton 16 di Cecilia Scerbanenco
  24. Burnout di Elvira Seminara
  25. Un amore di Nicoletta Sipos
  26. La Vie en rouge di Alda Teodorani
  27. L'ombra dei negri di Nicoletta Vallorani
  28. La mia nemica di Marina Visentin
Articolo di Fabio Lotti

Dettagli del libro
  • Titolo: Eros & Thanatos
  • Autore: A.V.
  • Editore: Mondadori (Gialli Mondadori)
  • Prezzo: 6.50 euro
  • Anno 2010

9 commenti:

IL KILLER MANTOVANO ha detto...

Mi pare di capire che queste scrittrici è meglio averle amiche che nemiche :D
Scherzi a parte, interessantissima antologia.
Già in saccoccia.
Bravo Fabione.

Lofi ha detto...

Complimenti Fabio! La recensione mi ha fatto sorridere e mi ha invogliato a comprare il volume! Quali sono i racconti che ti sono sembrati più interessanti?

Anonimo ha detto...

Lofi, non vorrei fare torto a nessuno,credimi. Ho un certo timore che le portatrici di pocce non menzionate...dopo la lettura dell'antologia...e già che c'è la mogliera...insomma, ragazzi, dobbiamo un giorno trovarci tutti insieme e prendere qualche drastica decisione...:)
Fabio

Martina_PL ha detto...

Libro che era già nella mia "wishlist mentale" da quando ho visto che usciva. Devo solo aver l'occasione di trovarlo.
E come ironizza Fabio su cose così truculente non è capace nessuno.

Anonimo ha detto...

Su un libro scritto da sole donne mi sarei aspettato proprio più interventi da parte delle donne stesse.
Invidia femminile?...:)
Fabio

Barbara Baraldi ha detto...

Ciao Fabio! Leggo ora questa bella recensione del volume. Come ho avuto modo di dire altrove, purtroppo non ho ancora letto l'antologia. Però una cosa la so: ne "La morte dell'innocenza" non muore nessun "portatore di palle" ;-)

Anonimo ha detto...

Preso da istintivo timore mi è sfuggito un "quasi" che ci stava meglio. Tieni presente l'età...e poi una eccezione (speriamo che non ce ne siano altre) cpnferma la regola. Complimenti per il racconto. Ad un certo punto mi sono messo a spiare anche io...:)
Fabio

AngoloNero ha detto...

Ce l'ho :)
Non so quando la leggerò, ma ce l'ho.

Cristiana Astori ha detto...

Buongiorno... intanto onorata della recensione :-)
Direi che nel mio "Macumba per principianti", il sesso non viene prima della morte, ma arrivano entrambi insieme, nello stesso istante... e la Mietitrice colpisce tutti, uomini & donne, buoni & cattivi... proprio come l'amore ♥