martedì 19 ottobre 2010

Un mattino da cani - Christopher Brookmyre (Meridiano Zero 2010)


.... in questo paese ottieni appalti perchè sei “uno del gruppo”, hai frequentato la scuola giusta, finanzi il partito giusto, hai assunto come dirigente il parente di un membro del governo o hai promesso un posto nel consiglio di amministrazione al tale ministro, quando deciderà che è arrivato il momento di dimettersi per passare più tempo con i suoi banchieri....

Si fa presto a dire buongiorno, provate a dirlo a Jack Parlabene, potreste rischiare un occhio nero! Non è facile svegliarsi in preda ai postumi di una sbronza colossale, con la sensazione che un martello pneumatico stia cercando di aprirvi in due la testa. Pensate se poi, in queste condizioni e vestiti solo di un paio di slip e maglietta vi ritrovaste chiusi fuori dal vostro appartamento in un condominio in cui pullulano i poliziotti, vi imbatteste in una puzzolente pozza di vomito e in un un appartamento, quello sotto al vostro, devastato, con tanto di cadavere massacrato con la gola tagliata, dita staccate a morsi e abbastanza sangue da dissetare un rave di vampiri....... E già la mattinata ha preso il verso sbagliato, ma visto che al peggio non c'è mai fine ecco che finite come indiziato principale, in fin dei conti eravate li, davanti al cadavere, mezzi nudi e per niente impressionati da tutto quel casino.... Ecco ora è proprio UN MATTINO DA CANI. Ed è proprio quello che capita al protagonista di questo divertente, satirico e avvincente noir. Jack Parlabene è un giornalista in fuga da Los Angeles dove, per la sua intrarprendenza e il suo fiuto per i guai, ha rischiato di essere ammazzato. Edimburgo, Scozia, città nuova ma stessi guai. Suo malgrado si trova coinvolto nell'indagine sull'omicidio del dottor Ponsonby, il vicino di casa, e va a scoperchiare il cosidetto vaso di Pandora: corruzione, sanità pubblica e privata, killer sanguinari ed esilaranti, morti sospette tutto in nome del dio denaro. Ritmo serrato e incalzante, scrittura scorrevole e coinvolgente fino all'ultima riga, per un libro che si divora in un attimo con personaggi irresistibili, lo stesso Jack ma anche Sarah anestesista nonché ex moglie del morto e Jenny la poliziotta lesbica, dialoghi pungenti e diretti. Christopher Brookmyre è dissacrante, fuori di testa, divertente, ho letto che è “osannato dalla critica e corteggiato da Hollywood” bè, cedi alle lusinghe, questo libro è perfetto per un film dei fratelli Coen!

... Da noi non esiste nulla di volgare e primitivo come le mazzette. E' una questione di fiducia. A ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. A ogni appalto corrisponde un premio. E' più nobile, più da gentiluomini. Una questione di intesa reciproca. Una cosa molto, molto british

Articolo di Cristina "cristing" Di Bonaventura

Dettagli del libro
  • Formato: Tascabile
  • Pagine: 318
  • Lingua: Italiano
  • Titolo originale: Quite Ugly One Morning
  • Lingua originale: Inglese
  • Editore: Meridianozero
  • Anno di pubblicazione 2010
  • Codice EAN: 9788882372231
  • Traduttore: V. Curtoni 

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Io sono di parte, per me lui è un genio, è in assoluto il mio autore preferito di noir, ironia, splash, trovate spettacolari, personaggi belli, sia i buoni che i cattivi. Questo è stato il mio primo romanzo di Brookmyer, poi non l'ho più lasciato e ogni volta è un piacevole incontro. Il ritmo è notevole e le storie sono da fuori di testa, sarà per questo che l'adoro!!!!

Grisù

Cristing ha detto...

Hai usato proprio la parola giusta"geniale"! Mi sono divertita proprio leggendolo e poi la figura del killer è incredibile! Poveretto mi a fatto pure pena!!! Mi suggerisci qualche sltro titolo Grisù?

Anonimo ha detto...

Se vuoi proseguire con il mitico Parlabene c'è il seguito, Il Paese della menzogna, ma se vuoi divertirti con altro io ho letto con molto gusto "Scusate il distrubo", storia che ha dell'incredibile e che racconta di una riunione di ex compagni di liceo che si ritrovano invitati in un hotel su un'isola dove oltre alla follia di quello che accade in una notte, incontri dei personaggi meravigliosi e intrecci di lucida realtà nella fantasia. Potrebbe essere un film d'azione di quelli alla Bruce Willis per intenderci; mentre se vuoi una storia romantica dentro ad una rapina ingegnosamente fatta da clown, devi leggere "La magica arte del furto", c'è il capo, la banda sgangherata, il ricatto, la bella poliziotta, gli inseguimenti e il contatto. Io sghignazzo sempre mentre leggo i suoi libri ed è forse questo che apprezzo di più, la velocità degli avvenimenti, i colpi di ingegno e le risate! ora mi lancerò nella sfida di leggerlo in lingua originale, ho il terrore di perdermi qualcosa di più!

Grisù

Cristing ha detto...

Grazie Grisù!

BodyCold ha detto...

ammazza Maria Cristina, sai che non ti facevo proprio da Christopher Brookmyre? :D

Anonimo ha detto...

@ Enzo: :S sarei anche un tipo ora???? ma tu guà...

Grisù

Frankie Machine ha detto...

ahi ahi ahi Cri hai colpito proprio il mio punto debole, di fronte a storiacce così non so resistere, Brookmyer mi sa che entra di prepotenza nelle mie prossime letture. Cià!

Cristing ha detto...

Si si Michele procedi pure è veramente fichissimo! Parola di Cri!! I titoli suggeriti da Maria Cristina li ho messi tutti in w.l.!

Stefania ha detto...

Non ho mai letto niente dell'autore ma dopo l'interessante recensione di cristina e i commenti di grisù, un pensierino ce lo faccio!

Cristing ha detto...

Brava Stefy! E grazie a tutti!