venerdì 27 agosto 2010

La testimone scomoda - Steve Martini


Katja Solaz ha un solo pensiero: tornare in Costa Rica. Non ne può più di quell'uomo tanto gentile che le aveva dato la possibilità di venir via da un paese senza prospettive. Certo Emerson Pike, noto collezionista di monete antiche, non l'ha sfiorata neanche con un dito e non le ha fatto mancare niente da quando è arrivata negli Stati Uniti. E questo è un po' strano perché Katja è bellissima: un corpo da favola, capelli neri lucidissimi e uno sguardo focoso capace di stenderti. Ed è anche così giovane da poter sembrare la nipote di Pike. Lei è venuta in California con l'idea di studiare. Pike l'ha portata in California per usarla come il formaggio nella trappola per topi. Ma Katja non lo ha ancora capito.
Non si spiega perché quest'uomo cosi educato ed affabile sia ossessionato da alcune foto scattate in Colombia da sua mamma e raffiguranti alcuni uomini. Pike le guarda e le riguarda per ore intere. E' venuto il momento di scappare da quella casa e Katja ha un piano. Qualcun altro ha un piano per quella sera. Entrare nella villa di Emerson Pike e uscirne lasciandosi solo cadaveri alle spalle trafugando le fotografie. Questa è la fortuna di Katja perché esce dalla villa un attimo prima che la Morte ne diventi proprietaria assoluta. La sfortuna di Katja è che prove schiaccianti l'accusano di essere l'autrice degli omicidi avvenuti nell'abitazione. Alla bellezza di Katja non è rimasto insensibile Paul Madriani, avvocato di successo, che l'ha incontrata casualmente qualche giorno prima.
Una breve chiacchierata niente di più. La ragazza gli ha confessato di voler tornare in Costa Rica e lui, lasciandole il suo biglietto da visita, le ha detto di potersi rivolgere a lui in caso di qualsiasi assistenza legale. Ora quel momento è arrivato. La Polizia bussa alla porta dello studio legale “Madriani e Hinds”. Tra le varie cose che hanno trovato nella borsa di Katja al momento dell'arresto c'è quel biglietto da visita. Madriani dovrà difenderla, dovrà difendersi e dovrà difendere l'intera nazione da una minaccia molto grave.

Ultimo lavoro di Steve Martini con protagonista l'avvocato Paul Madriani. Libro più che leggibile avendo però ben chiaro un punto. Non si tratta di un legal thriller, genere dove l'autore ha dato, nei romanzi precedenti, il meglio di sé. Non ci sono aule di tribunale né processi. Niente testimoni che vanno in contraddizione di fronte all'abilità di Madriani. Niente di tutto questo. Non mancano invece inseguimenti mozzafiato, esplosioni e regolamenti di conti. La parte investigativa è sì ben strutturata ma secondaria rispetto alla vena avventurosa della vicenda.
Quando compaiono FBI, Cuba e Castro e relativa crisi dei missili del 1962, Colombia e Farc, killer senza scrupoli, ex militanti dell'esercito Russo e terroristi islamici si è ben presto consapevoli di trovarci di fronte a un “action book “ nello stile di Tom Clancy o David Baldacci per fare degli esempi. Poca attenzione alla caratterizzazione dei personaggi ma una lettura che non perde mai di ritmo grazie alla frenesia degli avvenimenti narrati, ovviamente - difetto endemico del genere - a volte poco credibili , e allo stile sempre chiaro e preciso di Martini.
Rimane, sopratutto per gli affezionati della serie di Madriani, un po' l'amaro in bocca nel vedere, forse definitivamente, il protagonista trasformarsi, ormai cinquantenne, da smaliziato avvocato in un irrefrenabile uomo d'azione, come fanno chiaramente pensare le parole di Madriani al termine del libro: ” Il caso di Katja Solaz mi ha cambiato la vita. A essere sinceri, la professione legale non esercita più si di me lo stesso fascino di una volta. E' difficile capirne le ragioni. Il mio scopo adesso è diventato scoprire cosa sia per me il senso della vita”.

Articolo di Roberto "Lofi" Lofino

Dettagli del libro

  • Formato: Rilegato
  • Pagine: 478
  • Prezzo: 19,60€
  • Lingua: Italiano
  • Titolo originale: Guardian of Lies
  • Lingua originale: Inglese
  • Editore: Longanesi
  • Anno di pubblicazione 2010
  • Codice EAN: 9788830427716
  • Traduttore: A. Raffo

1 commento:

IL KILLER MANTOVANO ha detto...

Di questo romanzo ne avevo già parlato al mare con l'amico Roberto.
Dalla sua precisa e chiara analisi sembra di capire una notevole inversione di rotta che potrebbe spiazzare molti dei suoi seguaci lettori.
Boh....io per ora lascio perdere.