giovedì 1 luglio 2010

I fiori di Hong Kong – Paola Rondini


Chi muore senza preavviso lascia a chi resta il compito di terminare il gioco avviato, chiudere il libro lasciato aperto, riporre le cose al giusto posto e spegnere la luce nella stanza.

Sono rimasta incantata dallo stile narrativo di Paola Rondini. Incantata dalla descrizione dei luoghi, degli odori, dei colori, di un mondo e di un modo di vivere completamente diverso dal nostro. Incantata dalla profondità dei personaggi che sono tutti veri e autentici, per assurdo, delle loro debolezze e del loro dolore, Paola Rondini ne fa un punto di forza rendendoli vulnerabili e forti nello stesso tempo, come un filo d'erba che “sembra la cosa più fragile del mondo e invece per crescere buca la crosta terrestre, si insinua nel mondo ed è inarrestabile. E' cedevole, flessibile, paziente, una scarpa lo piega e lui aspetta il momento buono per rialzarsi. Arriva il freddo, il caldo, la pioggia e lui resta li. Aspetta e continua il suo moto verso il cielo”. La storia è bella, coinvolgente, raccontata in maniera semplice, lineare, scorrevole.
Hong Kong. Giorgio Sarli viene freddato con due colpi di pistola al petto e con lui anche la donna con cui ha passato la notte. Lui è un funzionario di banca, lei una prostituta. Vittorio Sarli, il fratello di Giorgio, parte da Roma per andare a riprendersi la salma e a cercare di capire il motivo di quella morte assurda. “In quel momento, le sei di un pomeriggio orientale umido e indifferente, la morte sembrava soprattutto un devastante cambio di programma, il furto di una cosa imponderata, diluita in mille piccoli frammenti che solo pochi giorni prima erano in ogni momento ricomponibili, vivi, a colori, e adesso invece giacevano inermi come sassi, foglie secche”. E' pieno di rimorsi Vittorio, non erano mai stati molto affiatati e non solo per la differenza d'età ma perchè Giorgio era allegro vivace sempre sorridente, lui l'esatto contrario.
Le indagini, vengono affidate all'ispettore Leung, cinesone alto secco e storto, tutto inchini e sorrisi, nella migliore tradizione cinese, ma testardo come un mulo pronto ad andare fino in fondo per scoprire il movente di quella morte assurda, anche quando dall'alto, pur di chiudere il caso, trovano una soluzione facile facile, l'obiettivo era la prostituta, probabilmente per un regolamento di conti e Giorgio è morto perchè si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato.
Ma a questa morte ne segue un altra, quella di Lin May, una ragazzina ex tossica, con la passione per la fotografia, violentata e massacrata di botte. L'unico collegamento fra i due casi ha un nome, Julia, collaboratrice di una rivista ambientalista, amica di Giorgio e sorella “adottiva” di Lin.
Leung, Jimmy, un giovane e tatuato poliziotto, Julia e Vittorio partono a testa bassa e seguono la loro personale indagine e arriveranno ad una verità scomoda e scottante, difficile da digerire per tutti.

Articolo di Cristina "cristing" Di Bonaventura

Dettagli del libro
  • Autore: Rondini Paola
  • Editore: Fanucci
  • Genere: letteratura italiana: testi
  • Collana: Collezione vintage
  • ISBN: 8834715802
  • ISBN-13: 9788834715802

3 commenti:

Lofi ha detto...

Come al solito Cristina non sbaglia un colpo. Grande recensione per un libro intrigante. Mi sa che ci scappa l'acquisto.

Cristing ha detto...

Grazie Lofi! A me è proprio piaciuto tanto....

Anonimo ha detto...

Mi hai incuriosito.
Fabio Lotti