sabato 13 marzo 2010

Oscar Wilde - Gyles Brandreth


Tra i tanti personaggi storici e letterari che vestono i panni dell’investigatore, non poteva mancare Oscar Wilde. E meno male, aggiungo io!
Gyles Brandreth, inglese, ha scritto i primi tre romanzi delle indagini vittoriane dello scrittore irlandese; in Italia sono usciti i primi due e attendo con trepidazione la pubblicazione del terzo.
Amo il giallo, soprattutto quello classico, adoro l’età vittoriana e venero Oscar Wilde: il suo stile, le sue opere, i suoi eccessi, i suoi aforismi. In queste due avventure è racchiuso tutto ciò.
La voce narrante è quella di Robert Sherard, pronipote del poeta emerito William Wordsworth, migliore amico di Wilde, innamorato della moglie di questi, Costance. Dopo anni dalla morte dell’amico, decide di rivelare le indagini che meticolosamente ha appuntato nel suo diario.
Ne “Oscar Wilde e i delitti a lume di candela”, il poeta irlandese, in un pomeriggio di fine agosto del 1889, si reca in un appartamento dove trova il cadavere di un suo giovane conoscente: composto, un lieve sorriso sul viso, circondato romanticamente da candele. Preso dal panico fugge e chiede consiglio ad un suo amico trentenne, un dottore scozzese che sta riscuotendo un notevole successo con il suo romanzo “Uno studio in rosso” e che a breve pubblicherà “Il segno dei quattro”. “A un primo sguardo potrebbe sembrare un appassionato di caccia grossa tornato dal Congo, ma a parte la sua stretta di mano, che è insopportabile, non ha nulla del bruto. E’ gentile quanto San Sebastiano e saggio quanto Sant’Agostino”, così Wilde descrive Arthur Conan Doyle.
Dopo l’incontro i tre amici decidono di recarsi sul luogo del misfatto, ma trovano la stanza vuota e ripulita. Wilde, uomo dai molti eccessi, visionario? Il mistero si infittisce, iniziano le indagini.
Tre anni dopo, Wilde, Sherard e Conan Doyle sono direttamente coinvolti in una serie di omicidi ne “Oscar Wilde e il gioco della morte”. Tutto ha inizio durante una riunione al Circolo di Socrate, fondato da Wilde, i cui membri, tra cui Bram Stoker, si danno appuntamento la prima domenica di ogni mese, solo per far svagare il fondatore: il circolo non ha alcuno scopo, si tratta semplicemente di un ritrovo per la cena, cene raffinate ed esclusive, per autentici dandy. Oscar decide di fare un gioco: “Omicidio”. Ciascun ospite, in modo anonimo, deve scrivere su un biglietto chi vorrebbe uccidere, si raccolgono i biglietti ed il gruppo dovrà indovinare chi vuole uccidere chi. Tra i nomi delle vittime virtuali, il Sig. Wilde e Signora. Uno scherzo. No. Le vittime designate iniziano a morire veramente e ad Oscar Wilde non resta molto tempo prima che l’assassino concluda la lista con il suo omicidio e quello dell’adorata Costance.
Ottima l’ambientazione storica in tutti i sensi, dai personaggi realmente esistiti alla Londra vittoriana. Trovo Brandreth talmente abile da stentare a credere che Oscar Wilde non abbia realmente vissuto queste avventure. Il narratore delle vicende è il Watson della situazione, ma l’aver affiancato Conan Doyle alle indagini (i due scrittori erano realmente amici), fa quasi sembrare che sia stato questi a prender spunto dalla coppia Wilde – Sherard per la sua, Holmes – Watson.
Non mancano l’umorismo sottile di Wilde nei dialoghi ed i riferimenti alle sue opere, in modo preciso e sempre storico.
La trama gialla in sé non sarà originale, ma la lettura è coinvolgente, veloce e godibilissima. Un’ultima nota sulle belle copertine dell’edizione italiana, meno psichedeliche di quelle inglesi, ma stravaganti quasi al pari di Oscar Wilde.
Gyles Brandreth non si è lasciato sfuggire quanto detto dallo scrittore britannico Max Beerbohm “Che vita sensazionale è quella di Oscar, così ricca di eventi straordinari. E che grande opportunità per i biografi del prossimo secolo!”.

Articolo di Mrs. Teapot

Dettagli del libro - Oscar Wilde e il gioco della morte
  • Formato: Brossura
  • Pagine: 402
  • Lingua: Italiano
  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Anno di pubblicazione 2008
  • Codice EAN: 9788820046101
  • Traduttore: A. Garavaglia

Dettagli del libro - Oscar Wilde e i delitti a lume di candela
  • Formato: Brossura
  • Pagine: 346
  • Lingua: Italiano
  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Anno di pubblicazione 2008
  • Codice EAN: 9788820044459
  • Traduttore: A. Garavaglia

17 commenti:

Matteo ha detto...

Complimenti per la bella recensione. Io ero ispirato a leggerli da un po'. Mi ispira soprattutto l'ambientazione e lo sviluppo della trama. Penso che dopo questa recensione, avro' qualche ragione in piu' per buttarmici nella lettura a tutti gli effetti.

eccozucca ha detto...

Bravissima Barbara ^_^..una recensione superba !..una grandissima tentazione questi libri..e come disse Oscar Wilde ..sò resistere a tutto tranne che alle tentazioni...^_*

Anonimo ha detto...

Concordo con Mrs Teapot, alias Barbara a quanto vedo. Sono libri godibilissimi che consiglia anche il sottoscritto.
Fabio

Martina_PL ha detto...

Io non li avevo mai sentiti nominare, invece, questi libri. Ma l'ambientazione, lo stile 'classico' e la recensione ottima di Barbara sono una garanzia. Finiranno subito in wish list ^____^

Anonimo ha detto...

Guarda Martina che non te ne pentirai. Un consiglio anche per "Flavia de Luce e il delitto nel campo dei cetrioli" di Alan Bradley che ha per protagonista una ragazzina di undici anni ed è, almeno sino a questo momento, di una lettura godibilissima.
Fabio Lotti

IL KILLER MANTOVANO ha detto...

Libri semplicemente deliziosi e poi adoro l'epoca Vittoriana.
E poi Barbara come al solito è un portento ^__^

Blueberry ha detto...

Bellini, mi sono piaciuti!

Anonimo ha detto...

Troppo buoni.
Un bacione a tutti ^_^
Mrs Teapot

momy_na ha detto...

libri stupendi e complimenti per la recensione...ma si hanno notizie del terzo libro?...lo aspetto da tempo...

BodyCold ha detto...

momy_na chiedo all' esperta di dartene risposta ^_^

momy_na ha detto...

Grazie mille ^^

Mrs Teapot ha detto...

Ciao!
Il terzo libro è già uscito da tempo in Gran Bretagna e negli USA ed è intitolato "Oscar Wilde and the dead man's smile".
Prima di scrivere la recensione ho mandato una mail alla casa editrice italiana per sapere quando sarebbe stato pubblicato il terzo romanzo della serie in Italia, ma, molto gentilmente, non ho ricevuta alcuna risposta. Mi dispiace di non essere stata utile.
Un saluto a tutti. ^__^

momy_na ha detto...

Grazie lo stesso...spero si decidano a pubblicarlo qui...:)

momy_na ha detto...

...é stato pubblicato!!Finalmente!!! Il titolo è "Oscar Wilde e il sipario strappato"..:))

Anonimo ha detto...

Allora corro in libreria appena posso!
Un abbraccio momy_na ^_^
Mrs Teapot

Max ha detto...

Complimenti per la recensione. Interessante la figura di Oscar in veste di investigatore. Se ti va, fai un salto nel mio blog.
Max

Anonimo ha detto...

Ma dove sei finita Mrs Teapot che non ti sento più?
Fabio Lotti