venerdì 28 agosto 2009

Intervista a Giallo a cura di Fabio Lotti - 3nd Part





R- Siamo giunti al terzo incontro con Giallo. Dovrebbe arrivare fra qualche minuto. Un po’ di pazienza che…

G- Ec…co..mi. Sono già ar…rivato.

R- Ma che succede? Sei tutto sudato. Come se tu avessi fatto una corsa.

G- L’ho fatta.

R- Guarda che potevi andare anche più piano. Sei pure in anticipo…

G- Ho dovuto correre.

R- Siediti. Beccati questo Brunello di Montalcino che ti tira un po’ su. Ma guarda come ti sei conciato.

G- Grazie. Mmmmm…Buono.

R- Ci credo…Allora che è successo?

G- Sono inseguito.

R- Inseguito? Da chi?

G- Dal postino.

R- Certo, se ti deve recapitare la posta.

G- Ma insieme alla posta…

R- Insieme alla posta che cosa? Maremma bonina, ma che ti succede? Sei tutto arruffato…Bevi un altro sorso di Brunello. Ecco…così va meglio. Ti vedo più colorito. Dunque, dicevi, che insieme alla posta…

G- Insieme alla posta mi vuole dare…mi vuole dare…

R- E che cazzo ti vuole dare? E qui mi scuso con…

G- “Telegramma esplosivo”!

R- Un telegramma esplosivo? Ma via, ti sta prendendo in giro…

G- Non un telegramma esplosivo, ma “Telegramma esplosivo”, il suo ultimo thriller poliziesco, capisci?

R- Porc…Non avevo capito. Un thriller poliziesco? Dunque anche il postino…

G- Non solo il postino! Qui al mio paese tutti, e dico tutti si sono messi a scrivere gialli dopo che hanno saputo del mio successo. E tutti a cercarmi per avere un parere, un aiuto…Sta diventando un incubo…

R- Su, su non te la prendere. Intanto ti faccio assaggiare anche un bicchiere di Vernaccia di San Gimignano. Ecco…prova. Che te ne pare?

G- Buona, buona davvero. Che annata?

R- Duemilacinque. Non male. Ma ricapitoliamo. Tutti in paese si sono messi a scrivere gialli o roba simile e tutti ti cercano…

G- Non mi danno pace e usano tutti i trucchi pur di farmi avere i loro parti mostruosi…

R- Beh, anche tu non scherzi in fatto a parti…

G- Non fare lo spiritoso. L’altra mattina, per esempio…Mi prendo un altro goccetto.

R- Fai con comodo.

G- L’altra mattina, dicevo, sono andato dal fruttivendolo a prendere…mi gira un po’ la testa…

R- Hai corso troppo. La vecchiaia…

G- Vecchio sarai te!

R- Bevi un altro goccio.

G- Ma forse è meglio…

R- Bevi, dammi retta. Goccio scaccia goccio.

G- Questa non la sapevo. Buono…una delizia…un…quello degli dei.

R- Ora anche la memoria…Nettare.

G- Ecco, un nettare degli dei.

R- Bravo, ma vai avanti che l’eventuale, unico lettore si è già addormentato.

G- Insomma per farla breve il fruttivendolo insieme alla frutta mi ha incartato anche “Banane piccanti”…

R- Banane…che?…

G- Piccanti. “Banane piccanti” il suo ultimo racconto giallo-erotico.

R- Un racconto giallo-erotico?

G- Certo, stando sempre a contatto con banane, cetrioli, melanzane gli si è sviluppata questa mania. Che lui chiama arte, passione…Capisci?

R- Beh…certo…stando sempre a contatto…

G- E gli dai anche ragione? Giorni fa, insieme ai pomodori, mi ci ha infilato anche “La strana morte del pisello”, una cosa oscena, vomitevole. Ho finito la Vernaccia…

R- Non ti preoccupare. Beccati questo sorso di Chianti classico. Come ti sembra?

G- Che cosa? “La strana morte del pisello?”. Ma te l’ho già detto…

R- No, come ti sembra questo Chianti classico.

G- Divino. Anzi di…vino. Che battuta eh…Mi sento meglio.

R- Lo vedo, lo vedo.

G- Insomma tutti scrivono gialli. Il barbiere mi ha rifilato “Pelo e contropelo all’assassino”, il macellaio “Ciccia d’assalto” e…e…e…

R- O che ti sei incantato? E…che cosa?

G- Ci si mettono pure le donne. A mia moglie, la signora in Giallo, ovviamente…

R- Questa battuta te la potevi risparmiare…

G- D’altra parte se è mia moglie…

R- Falle tanti saluti. E dunque a tua moglie…

G- A mia moglie la parrucchiera ha lasciato il terribile noir…il terribile noir…

R- E dai!

G-“Sciampo letale”…

R- Sciampo?

G- Letale…

R- Acc…

G- Non …ce …la fac…cio..più…rooooooooooooonnnnnnnnnnnnnn.

R- Intervista finita. Si è addormentato.


Intervista di Fabio Lotti


10 commenti:

Palazzo Lavarda ha detto...

Ottimo iniziare di prima mattina con le divertenti interviste di Fabio. :-)

Mottino **Massimo** ha detto...

Esilarante, delizioso (con le del resto le prime due puntate), rende meno pesante questo venerdì .
Grazie Fabio!! :))

ps: Grazie mille anche ad Enzo per il suo enorme lavoro per rendere il blog un luogo piacevole dove stare.

Blueberry ha detto...

hihih... fantastico!!!

Anonimo ha detto...

Dal contesto dell'intervista potrebbe sembrare che io sia quantomeno un esperto di vini, se non un ubriacone. Puntualizzo che sono quasi astemio. Mi è stata aperta una rubrica dal titolo "Fabio Lotti docet". Mi domando che cosa stia insegnando...
Fabio Lotti

DAscanifederica ha detto...

ahahahah veramente carina!!!!!!

Anonimo ha detto...

“Fabio Lotti docet” mi sono detto. Cosa posso insegnare? E allora un’ideuzza mi è venuta fuori. Alla fine di ogni pezzo posso spiegare in maniera succinta ai lettori come è nato, senza rompere tanto le palle. Veniamo al punto. Obiettivo: 1) ironizzare sul fenomeno attuale che quasi tutti scrivono gialli, intesi in senso lato. L’ha fatto pure il sottoscritto e dunque…
Idea: abitanti di un paese e loro mestieri. Ad ogni tipo di lavoro il suo giallo con relativo titolo decisamente simpatico (se possibile). Ci si infila un po’ di sesso che va sempre bene. Per movimentare la scena inseguimento a Giallo che si deve sfogare. Ma come? Un po’ di vino rende più sciolto e un po’ surreale il dialogo. Ergo Brunello, Vernaccia e Chianti classico. Per rimanere sulla goliardia battuta scema sulla signora in Giallo, che fa ricordare sia il suo status di moglie che un famoso personaggio giallistico. Dialogo serrato, breve, veloce senza dare riposo al lettore. Si butta giù come una bevuta. Se poi la bevuta non è dolce, non sa di niente o è addirittura amara beh…questo è un altro paio di maniche.
Fabio

Anonimo ha detto...

Ciao Fabio,
qui aggiungo qualcosa in più rispetto al ringraziamento per il link che ti ho lasciato sul blog del giallo Mondadori :)

L'intervista al Giallo è molto divertenete e molto vera. Penso che oggi tante, forse troppe, persone vogliano scrivere. Probabilmente pensano che sia facile, anche se personalmente la trovo un'attività estremamente complessa.
Per quel che riguarda l'angolo 'Fabio Lotti docet', non credo che debba essere esclusivamente dedicato a lezioni 'accademiche', ma anche a scritti nello stile dell'intervista a Giallo che insegnano per interposta lettura :)

Sono sicura che troverai la gradazione (non solo di vino) giusta :)

Buon Sabato e saluti a Jonathan,
Silvia

Anonimo ha detto...

Cara Silvia
non ci sarà nessuna lezione accademica. Continuerò con le interviste a Giallo con il solito stile. Spero di avere attirato l'attenzione di qualche lettore su questo blog che se lo merita.
Fabio.
L'ultima mia stronzata in http://www.milanonera.com/?p=2395#comment-4778 dove mi sono finalmente smascherato come l'autentico autore dei libri di Faletti.

Marta ha detto...

Leggo solo ora e come al solito l'umore si è ravvivato.
L'idea è davvero carina e rispecchia davvero il fatto che tutti vogliono diventar scrittori.
Fabio continua così :)

Anonimo ha detto...

Continuerò così...Per la prossima pubblicazione non ci sarò ma voi commentate lo stesso che poi vi rispondo.
Fabio