venerdì 10 luglio 2009

Intervista a Giacomo Gardumi



INTERVISTA A GIACOMO GARDUMI


Corpi Freddi: Salve e benarrivato tra i Corpi Freddi. Per noi è un enorme piacere intervistarti visto che il tuo romanzo è stato e continua ad essere apprezzatissimo e consigliatissimo tra il nostro gruppo.

Giacomo Gardumi: Mille grazie! Non ho nessuna difficolta a ricambiare il complimento, il vostro blog e’ bellissimo e al momento rappresenta uno dei pochissimi cordoni ombelicali che mantengo con l’Italia.

CF: Giusto per iniziare, i diritti cinematografici de "La notte eterna del coniglio" sono stati venduti a una produzione RAI per farne un film. Cast pronto, regista trovato, film fatto e proiettato in un festival, ma mai arrivato alla massa. Perchè?

GG: Bella domanda, a cui purtroppo non so cosa rispondere.Con i produttori ho avuto contatti molto sporadici, il film non l’ho mai visto, e a quanto ho capito il problema sta nei costi di distribuzione, che nessuno e’ disposto ad accollarsi.Riconosco che avrei dovuto andare un po piu a fondo ma gli ultimi due anni , dopo il ritorno a vivere in Cina, sono stati troppo caotici e impegnativi , ho preferito non lanciarmi un un’indagine che in ogni caso non avrebbe cambiato le cose.

CF: La storia narrata è al quanto particolare. Da dove nasce "La notte eterna del coniglio"?

GG: E’ stato tanto tempo fa, pensavo al racconto di Poe “ La maschera della morte rossa “ e mi e’ venuto in mente di attualizzare il tema trasferendolo in un moderno scenario apocalittico, cioe una catastrofe nucleare al posto di una pestilenza.Ho cominciato a riflettere sui possibili svolgimenti e poco a poco la storia ha preso forma nella mia testa.

CF: C'è una certa somiglianza tra il tuo Coniglio e il pagliaccio assassino di King. Ti sei ispirato a qualche personaggio in particolare per plasmare il tuo Coniglio?

GG: Non in maniera consapevole ma naturalmente prima di mettermi a scrivere avevo gia letto “It “ e non solo quello, non c’e’ dubbio che il mio coniglio rosa e’ una figura assai kinghiana.

CF: Domanda banale ma necessaria: che tipo di lettore sei? E quali sono i tuoi generi e i tuoi scrittori preferiti?

GG: Sono un lettore discontinuo e incasinato, anche perche lavoro molto, ho due figli e in sovrappiu’ cerco di scrivere con una certa continuita.
Quindi capita che per settimane legga solo il giornale in metro, poi magari in un week-end inguirgito tre romanzi di fila.
Naturalmente leggo thriller ed horror, fin da bambino.
I miei scrittori preferiti cambiano con il passare del tempo, al momento direi Fred Vergas, l’eterno Camilleri, Michael Connelly e la magica saga di Henry Potter, forse la lettura che mi ha dato le emozioni piu’ forti degli ultimi anni.

CF: Il tuo secondo libro "L'eredità di Bric", tratta di paranormale, qual' è la tua posizione a questo proposito?

GG: Che purtroppo il paranormale non esiste, cosiccome non esiste Dio ne una dimensione trascendente a questo nostro mondo schifoso.Ed e’ questa la terribile,irreparabile tragedia della condizione umana.

CF: A livello di vendite però, mi risulta, che "L'eredità di Bric" non sia stato tanto capito dai lettori quanto "La notte eterna del coniglio". Riesci a spiegarti il motivo?

GG: Certo. “L’eredita di Bric “ non e un thriller, ne ha solo la forma , e solo fino a meta libro.E’ piuttosto una riflessione esistenziale sulla morte e la natura dell’uomo, e’ chiaro che il 90% dei lettori del Coniglio si aspettava altro ed e rimasta delusa, spargendo rapidamente la voce.

CF: Sempre parlando del tuo secondo romanzo, è molto diverso dal primo. Quali sono i passaggi che ti portano a creare un romanzo?

GG: Nel caso del Coniglio un idea di partenza che si e rapidamente sviluppata in una storia ben delineata ed intrigante, che avevo voglia di raccontare.
Per Bric piuttosto l’urgenza di sfogare certe dolorose riflessioni da cui non riuscivo e non riesco a liberarmi.

CF: Quale hai trovato più "semplice" da scrivere?

GG: Direi che entrambi sono venuti fuori in modo abbastanza rapido e spontaneo.Il mio ultimo romanzo, di cui parlo qui sotto, e’ stato invece senz’altro piu’ faticoso, ad ogni snodo esistevano diverse direzioni che la storia avrebbe potuto prendere , ho riscritto piu volte interi capitoli e un orecchio un po piu allenato mi ha portato a essere molto piu esigente con me stesso sul piano formale e stilistico.

CF: Puoi accennarci qualcosa sui tuoi progetti letterari futuri? Ci sono altri romanzi in cantiere?

GG: Per l’appunto un romanzo gia pronto “ La divoratrice di anime “, un thriller piuttosto “ conigliesco “ , e poi un nuovo libro in stesura ( mi avvicino alla meta’della storia ), una specie di avventura horror-paranormale.
“La divoratrice di anime” dovrebbe senz’altro uscire nel 2010 anche se al momento sono senza editore, per una legittima ( da ambo le parti ) differenza di vedute con il mio editore precedente.

CF: Come mai la decisione di lasciare il suolo italiano, prima per trasferirti in Cina e poi in Francia? Hai intenzione di tornare a vivere in patria?

GG: All’inizio mi ha spinto la curiosita’ ( ho lasciato l’Italia a 23 anni ), poi dopo aver vissuto un po all’estero e’ davvero dura tornare nell’Italia attuale. Inoltre amo visceralmente la Cina e Shanghai, ho qui tutti i miei amici e le mie abitudini di vita, non ho nessuna intenzione di muovermi per i prossimi dieci anni ( al minimo ).

CF: In un momento di crisi internazionale, come si vive in uno Stato immenso che da pochi anni è riuscito a raddoppiare il suo prodotto interno lordo?

GG: Si vive benissimo, la societa cinese e’ dinamica, aperta, piena di energia e ottimismo.A Shanghai poi c’e’ un meltpot razziale e culturale stimolantissimo, io ho amici di venti nazionalita diverse e di tutte le possibili combinazioni cromatiche.Forse e’ un po’ presuntuoso dirlo ma vivendo in Cina in questi anni si ha davvero l’impressione di essere finiti nell’ombelico del mondo.

CF: In Italia si sta vivendo un periodo molto romanzesco. Mi spiego. Abbiamo un presidente del consiglio molto simile ad un personaggio di una soap opera beautifulliana, con la moglie che lo scarica dopo l' ennesima "gaffe innocente" con una minorenne, un governo che continua a dire che la crisi è quasi finita mentre nel resto del mondo tutti i paesi continuano a far fronte ad una crisi economica e sociale enorme. La domanda che vorrei farti è: come si dipingono i media cinesi? Si ha notizia della nostra situazione?

GG: Non seguo molto i media cinesi, che sono tra gli aspetti meno interessanti del paese.Posso solo dire che tutti gli stranieri che conosco ci sghignazzano dietro.

CF: E' noto che la Cina, non sia un baluardo per ciò che riguarda la libertà di stampa. Per un tuo futuro romanzo quanto questo è bloccante?

GG:Purtroppo nessuno dei mie romanzi e’ stato ancora tradotto all’estero, e in piu’i libri stranieri pubblicati in Cina vengono quasi tutti tradotti dalla versione inglese, quindi con un passaggio intermedio rispetto al testo in lingua originale.
Questo per dirti che sono molto lontano dal dovermi preoccupare della censura ( e comunque Stephen King si trova in tutte le librerie, al massimo omettono qualche riga troppo sanguinolenta )

CF: Ti va di parlarci delle tue passioni, accantonando un attimo i libri?

GG:Mi piace il cinema, mi piace viaggiare ( al momento cerco di visitare il piu’ possibile della jungla asiatica prima che diventi tutta un’arredamento da salotto ), vado in palestra regolarmente e ho qualche vizio segreto di cui non sta bene parlare.

CF: Un enorme saluto da parte di tutti i Corpi Freddi che ti seguono e speriamo di leggere quanto prima qualcosa con firma Gardumi.

GG: Grazie a voi, giuro che faro’ del mio meglio.


Intervista di BodyCold e Carol

10 commenti:

IL KILLER MANTOVANO ha detto...

Complimenti Body!!!
Scoop a sorpresa Corpi Freddi.
E vai che si rulla!!!!

Carol ha detto...

!!!!!!!!!!! WOOOOOW!!!!
Ho letto quest'intervista con una lacrimuccia!!! E visto che è un commento, mi posso sfogare, vero Body??? :D
Chi mi conosce sa quanto ho amato "La notte eterna del coniglio", quanto ho fatto la capoccia a tutti affinchè lo leggessero, quanto ho amato successivamente "L'eredità di Bric", che pure essendo molto diverso dal primo ho trovato estremamente interessante e mi ha coinvolta incredibilmente... E quindi quanto in genere adoro Giacomo Gardumi!!
Ammetto che ho sofferto a leggere la sua risposta sul paranormale, visto che io la penso in modo diametralmente opposto, ma mi basta che continui a scrivere di questo argomento, anche senza crederci! :D
E non vedo l'ora che esca "La divoratrice di anime", che già dal titolo mi stuzzica non poco... Poi, se Giacomo lo definisce "conigliesco", sarà mio il giorno stesso che mette piede in libreria!!!
Scusate se mi sono dilungata, concludo con un GRAZIE GIACOMO!!!!! Sia per i suoi libri che per la grande disponibilità! E ringrazio anche Body, che si è limitato a rendere un pò più "formali" le mie domande, senza bocciarmele! :D Grazie caro!! Ehehe!

Marta ha detto...

Complimenti a Carol e sì sappiamo quando ti è piaciuto :) Brava!

skunkie ha detto...

Ho letto il Coniglio piu' di un anno fa e oltre ad averlo divorato, l' ho consigliato moltissimo!
Scene apocalittiche si', ma non banali: qui mi sento di esprimere il mio distacco con la mentalita' italiana, che ho abbandonato da parecchio, vivendo anche io all' estero (amo pero' leggere i libri in lingua originale :) ).

"La maschera della morte rossa" di Poe...uno dei libri piu' belli e piu' scaring che ho letto da ragazzina, Caro Giacomo ti fa onore questa fonte di ispirazione ^___^

Sull' Eredita' di Bric ho letto commenti contrastanti, proprio perche' molti aspettavano un altro "coniglio style", ma a leggere le tue parole, devo dire che mi intriga assai di piu' e non vedo l' ora di rifare un salto in Italia per rifornirmi di libri italiani :))))

Peccato per il film, ma piuttosto che un B-movie Rai con magari peggioramenti od omissioni al thriller che doveva essere...beh forse e' meglio cosi' ;) magari prima o poi un regista appassionato ne riesce a tirar fuori un "novello Shining"!

GG: Che purtroppo il paranormale non esiste, cosiccome non esiste Dio ne una dimensione trascendente a questo nostro mondo schifoso.Ed e’ questa la terribile,irreparabile tragedia della condizione umana.
visione forse triste, senza false speranze ma molto scientifica: mi trovi molto d' accordo!

In attesa della "Divoratrice di anime" (avanti troviamo un editor :P ) vado subito a cercare L' eredita' di Bric!

Moltissimi complimenti
brgrds
Fio

Anonimo ha detto...

Bellissima intervista! Complimenti a Body e ancor più a Giacomo. Ho adorato il Coniglio ed è tra le letture più belle di quest'anno!
Blueberry

BodyCold ha detto...

Giacomo per altro è di una simpatia enorme e sono felicissimo di scambiare mail a raffica con lui commentando la qualsiasi ca**ata :D
anch'io non vedo l' ora di leggere altri suoi scritti al + presto!

DAscanifederica ha detto...

Bella intervista sul serio, complimentissimi! Io devo riuscire a prendere sto libro... Insomma, da quello che ho capito lo devo ordinare perchè l'ho cercato in libreria e non lo trovo... Ma sarà mio!!!!!!

Anonimo ha detto...

grande body......e quindi avremo presto altri 2 libri di Gardumi.......siiiiiiiiiiiiiiiiii non vedo l'ora!
Intanto dopo settimene e settimane di ricerca ho trovato "L'eredità di Bric" che sarà una delle prossime letture!!!
Complimenti per l'intervista, anche a me è dispiaciuto un po' come la pensa sul paranormale!
Ajeje Brazov

Palazzo Lavarda ha detto...

Io non ho ancora letto 'sto benedetto coniglio, anche se una mia amica anobiana che abita vicino ce l'ha e potrei farmelo prestare. Ma non ho ancora capito se può essere il mio genere. A parte questo, ottima intervista: Gardumi sembra una persona davvero in gamba!!!

Stefania ha detto...

Splendida intervista! Mi sono "innamorata" dell'autore con il Coniglio e ho cercato con bramosia e trovato "L'eredità di Bric". Lo stile di Gardumi, la storia da lui descritta ne "L'eterna notte..." rientra assolutamente nei generi da me più amati. Ho letto tutta l'intervista con il sorriso sulle labbra, bravissimi davvero complimenti a Carol e Body
ps. mi ero dimenticata di scriverlo "di là" su anobii :p ma alcune settimane fa, Giacomo Gardumi ha risposto a un mio messaggio su facebook dove mi ha accennato dei suoi progetti futuri e potete solo immaginare la gioia ^__^