lunedì 11 maggio 2009

Faccia di sale - Eraldo Baldini



"....sono un'uomo che non esiste più, sovrano di una città che non c'è più. Guido un popolo di cadaveri strappati alle tombe, decomposti e coperti di calce, la mia reggia è fatta di 3 rampe di scale, il mio cibo l'ho rubato alle monache. Forse il mio esercito di morti è potente, se è vero che un solo fantasma ha fatto muovere la cavalleria. Sono sua maestà Luigi Derigo Primo. Anzi sua maestà faccia di sale...."


Adoro Eraldo Baldini, secondo me questo scrittore è un talento unico e puro; in questa nouvelle vague del noir Italiano metropolitano, lui se ne discosta prepotentemente con la sua particolare originalissima impronta "gotico rurale".
Con Baldini ci devi entrare in simbiosi, probabilmente le mie fiere origini Padane mi fanno immergere ancora più intensamente e profondamente negli incubi creati dal bravo scrittore che così abilmente ambienta le sue belle storie in queste terre suggestive; nei libri di Eraldo respiri la paura fastidiosa e pungente come la pruriginosa puntura di una zanzara infetta, nelle sue opere t'immergi nelle tenebre oscure come la nebbia tipica di tante notti fredde delle nostre lande.
Anno del Signore 1699, si stanno compiendo i lavori di spostamento e ricostruzione della città sede della vicenda; sullo sfondo la spettrale cattedrale di Nostra Signore delle acque, luogo sacro di silenzio e segrete memorie. Luigi Derigo, benestante Signorotto, non sa che presto la sua vita cambierà per sempre gettandolo in una spirale infernale da incubo nella quale Baldini ci condurrà con consumata maestria tra i tormenti, i rancori, i sensi di colpa e il bisogno di redenzione dell'animo umano.

"Faccia di sale" è fondamentalmente una splendida oscura favola, un piccolo capolavoro, se mi è permesso sperando di non dire un'eresia quasi una personale ed intelligente rivisitazione de "Il gobbo di Notre-Dame" e pure un sentito omaggio allo splendido "Il fantasma dell'opera" di Gaston Leroux.
Avvicinatevi con fiducia a questo scrittore, lasciamo da parte le centinaia di proposte fotocopia che periodicamente l'editoria ci propina e sosteniamo con forza chi ha valide idee da proporre.
Grazie Eraldo per le splendide emozioni che ancora una volta hai saputo regalarmi.

Articolo de Killer Mantovano

Dettagli del Libro

  • Autore: Baldini Eraldo
  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Genere: letteratura italiana: testi
  • Collana: Frassinelli Paperback
  • Pagine: 147
  • ISBN: 888274809X
  • ISBN-13: 9788882748098
  • Data pubblicazione: 2005

6 commenti:

Principessa ha detto...

Bravo Killer, le tue recensioni riescono sempre a farmi capire lo stato d'animo trasmesso dalla lettura del libro.... grazie.... perchè riesci a trasmetterle anche a me...

DAscanifederica ha detto...

Già che c'è scritto gotico, già va bene!!! Fionalmente ho finito la mia lettura mesnile, se Dio vuole andrò più spedita e riuscirò a leggere parte di quelli segnalati qui!

Palazzo Lavarda ha detto...

Perchè non ho sentito parlare prima di questo scrittore? La recensione del Killer mi ha incuriosito moltissimo su questo libro e sulle sue ambientazioni padane. Da wish list.

BodyCold ha detto...

inserito in wishlist pure io..

grazie killer

Linda80 ha detto...

Di Baldini è da un po' che punto "Gotico rurale", ora ci aggiungo pure questo ;-)

Jimbose ha detto...

Eraldo Baldini proprio non lo conoscevo. Bravo Killer, mi hai proprio incuriosito.