lunedì 1 giugno 2009

Il sudario di ghiaccio - Richard Montanari




Era da tanto che attendevo il nuovo lavoro di Richard Montanari e fortunatamente non mi ha delusa. Anzi, l’ho trovato superiore a “L’attore”, il suo precedente libro. Nel suo nuovo libro, "Il sudario di ghiaccio" Ritroviamo i detective Kevin Byrne e Jessica Balzano, stavolta alle prese con un assassino che prende di mira alcune donne e lascia i loro corpi, vestiti con costumi d’epoca, in posa sulle rive del fiume Schuylkill.
Tra un capitolo e l’altro si alternano l’indagine principale, i pensieri dell’assassino, un vecchio caso di omicidio mai risolto e una storia parallela che all’inizio sembra non centrare nulla con il resto. Alla fine però tutte le tessere del puzzle andranno al loro posto.
Come sempre i personaggi sono ben caratterizzati e si lascia spazio anche alle loro vicende personali, ai loro sentimenti e alle loro paure. Unite mistero, tensione, colpi di scena, ironia e un pizzico di “paranormale” e avrete un thriller intrigante e ben congeniato, con un finale carico di adrenalina. Anche stavolta vi sfido a scoprire l’assassino!

Articolo di Linda80

Dettagli del Libro
  • Autore: Montanari Richard
  • Editore: Nord
  • Genere: letterature straniere: testi
  • Collana: Narrativa Nord
  • ISBN: 8842916005
  • ISBN-13: 9788842916000
  • Data pubblicazione: 2009
  • Traduttore: A. Martini

4 commenti:

IL KILLER MANTOVANO ha detto...

Brava Linda. Montanari (qua al suo terzo romanzo) è un autore che come trame mi ha sempre incuriosito.
Si sentono pareri contrastanti ma ovviamente voglio farmene un'idea personale.
Prima o poi...ma quando???

Linda80 ha detto...

Ehhh caro killer... come per tutti i libri, il parere è soggettivo. Personalmente io adoro Montanari, di lui leggerei anche la lista della spesa. Altri invece l'hanno trovato mediocre... L'unica cosa da fare è LEGGERLO!!! ;-)

BodyCold ha detto...

io ho praticamente tutto di suo ma ancora non ho iniziato nulla..
ma ogni volta mi dico "mò inizio mò inizio" e poi prendo altro libro da leggere :P

Palazzo Lavarda ha detto...

Io ho ancora in wish list il primo libro e, finchè non trovo e provo con quello, non mi pronuncio su questo.
Comunque, Linda, le tue recensioni vanno benissimo, eh? L'importante è che tu scriva quello che dà a TE il libro. E che, non siamo mica critici letterari di professione!