lunedì 24 settembre 2012

Carlo Oliva - 1943/2012 - R.I.P.


È con sommo dispiacere che faccio questo post. Oggi, 24 settembre, se ne va uno dei personaggi più influenti  ma anche più discreti della letteratura italiana, Carlo Oliva.
Un altro Maestro che lascia un profondo abisso terreno, ma che sarà sempre presente coi suoi scritti. Personalmente ho adorato "Storia sociale del giallo", da cui si può solo che apprendere.

Vi lascio con un estratto di un suo post pubblicato sul suo sito:

Amici carissimi, so che la stagione vi è propizia e che, probabilmente, vi par d'essere nel paese della cuccagna. Gli editori vi aprono le braccia, prendono qualsiasi cosa gli proponiate e la riversano senza pietà sugli scaffali delle librerie e sulle scrivanie dei critici, che ormai gemono sotto il peso. Probabilmente non vi pagano molto, ma c'è sempre la prospettiva di giungere, presto o tardi, in televisione, con una miniserie, una fiction, una rubrica, o semplicemente una bella comparsata in uno spazio che conti, e allora sì che ci sarà da mietere. I gialli, come si sa, “tirano” e ormai si sono messi a scriverne anche autori che fino a dieci anni fa non li avrebbero toccati neanche con un palo lungo dieci metri. Perché non dovreste farlo voi, che di questo peccato originale siete ovviamente immuni e godete dei vantaggi generazionali e culturali di chi è cresciuto in questa triste Italia slabbrata e casinara e sa, se non altro perché l'ho scritto io, che non è più la tragedia, come ai tempi di Eschilo e di Shakespeare, ma appunto il giallo lo strumento per rendere conto del dissesto dei tempi? Se non ci si deve più vergognare di trafficare in thriller e mystery e non è più obbligatorio celarsi dietro qualche pseudonimo anglosassone, ma si viene, anzi, considerati da tutti come autori impegnati e meritevoli di ascolto sui principali problemi del paese (uno, anche se, credo, non dei più giovani, è persino finito in Parlamento), perché non cogliere l'occasione? E allora dagli a pestare sui tasti del computer e speriamo che duri.

Ecco. Non vorrei fare, proprio in questa fase della mia vita, la parte del menagramo, ma io non sono affatto sicuro che duri. Siete troppi, ragazzi miei, e scrivete troppo.

Riposa in pace, Carlo, con umiltà profonda e sincera tuoi amici cf.

Nessun commento: