mercoledì 25 luglio 2012

L’assassino ipocondriaco - Juan Jacinto Munõz Rengel (Castelvecchi 2012)


L’assassino ipocondriaco. Difficile uccidere con tante malattie…

Il riso e il sorriso tra i morti ammazzati mi ha sempre colpito e ci ho pure scritto sopra un pezzetto qui, per cui nessuna difficoltà ad impossessarmi del libro citato.
“Non mi resta che un giorno di vita” cantilena l’assassino Y che deve far fuori Eduardo Blaistein seguito da un anno e due mesi (l’hanno pagato per questo). Puntuale come Kant, e se la vittima ritarda di un minuto lungo il solito percorso arriva il cardiopalmo. Nato l’11 novembre 1966 in Argentina, venuto in Spagna verso i sei anni, persa la madre a sette anni, il padre a nove. Sfortunato da morire, dice lui,  (e infatti dovrebbe morire da un momento all’altro). Strabico, negato il riposo secondo il mito di Ondina deambula per le strade inseguito dalla sonnolenza. Colpito pure dalla sindrome di Proteus, dell’accento straniero e di Möebius, da Immunodeficienza Acquisita, dallo Spasmo Professionale, allergico all’epitelio dei cani e mi sono perso senz’altro qualche altro malanno.

Il suo obiettivo è, dunque, questo Blaistein (ha pure un’amante), che segue dappertutto, anche in casa sua, per tentare di farlo fuori, ma mica è facile con tutti gli acciacchi che si porta appresso! (vorrei vedere voi). D’altra parte la sua vita è condizionata dal rapporto con i grandi malati della Storia perseguitati pure dalla malasorte, a partire dall’ossessione di Kant, già citato, per continuare lungo una litania di disgraziati maledetti (Edgar Allan Poe, i fratelli Goncourt, Byron, Swift, Proust ecc…).

 Ma la domanda che ogni tanto serpeggia istintiva nel lettore è “Chi l’avrà pagato per uccidere Blaistein e ce la farà ad ucciderlo?”, perché qualche dubbio incomincia a serpeggiare sin dall’inizio.

Un libro scritto con evidente intento iperbolico ed umoristico, come gioco letterario attraverso una fine conoscenza di vite famose (almeno della loro salute) che si intercalano e si intersecano con la storia del nostro ipocondriaco assassino. Tra un sorrisetto e l’altro, tra una risatina sotto i baffi e l’allargarsi felice delle pupille, ecco però spuntare una smorfietta, un alzarsi improvviso del sopracciglio sinistro (quello più uggioso) quasi a dire basta, poni un freno, non indugiare troppo qui, non farla lunga troppo là.

Nel complesso una piacevole lettura alla fine della quale la sensazione di avere preso qualche brutta malattia e di essere diventato uno sfigato fradicio.

Articolo di Fabio Lotti

Dettagli del libro
  • Formato: Rilegato
  • Editore: Castelvecchi
  • Anno di pubblicazione 2012
  • Collana: Narrativa
  • Lingua: Italiano
  • Pagine: 189
  • Traduttore: P. Marchetti
  • Codice EAN: 9788876157288
  • Generi: Romanzi e Letterature, Romanzi



2 commenti:

Anonimo ha detto...

'Alla fine, una piacevole lettura'?!?!?!... tutto fuorchè questo. L'unica cosa piacevole è stato riporre il libro tra gli scaffali della mia libreria accomiatandomi con 'fantoziano' grido liberatorio. Avrò decisamente un diverso e più ruspante senso dell'umorismo... ma per l'amor di dio!

Anonimo ha detto...

Le vie del gusto sono infinite.
Fabio