lunedì 18 luglio 2011

L’uomo che odiava i martedì - Håkan Nesser (Guanda Ed. 2011)


…lo faccio pensò. Forse non succederà nulla, ma sono troppo arrabbiato. Non è giusto, e quando una cosa è ingiusta bisogna porvi rimedio..

1975 in fondo al burrone dei suicidi, Gåsaklyftan, viene trovato il corpo senza vita di Maria, uscita per una gita nei boschi con sei suoi amici, era lì alla ricerca di funghi mentre ad un tratto un solo grido ed è precipitata giù nel burrone. E’ caduta? È stata spinta? O si è gettata sotto il peso di dolorosi ricordi? Vanamente l’ispettore incaricato del caso, Sandilin, cerca di trovare una soluzione e a malincuore è costretto ad archiviare il caso per mancanza di riscontri. Trentacinque anni dopo Germund all’epoca compagno di vita di Maria viene ritrovato anche egli cadavere in fondo al burrone dei suicidi e stavolta tocca a Gunnar Barbarotti e alla sua collega Eva Backman capire, e, a distanza di trentacinque anni si ritrovano con gli stessi, identici dubbi che già avevano tormentato il loro ‘antico’ collega ormai morto. Germund, stimato professore di fisica, si è gettato volontariamente per ricongiungersi al suo amore perduto? È scivolato mentre rivisitava i suoi ricordi o è stato spinto???
Per cercare la soluzione bisognerà scavare nel passato di quei sei partecipanti alla prima gita, bisognerà conoscere quei sei giovani pieni di sogni, illusioni, ideali, speranze che gustavano a piene mani la vita nei turbinosi anni ’70 della libera Svezia e poi bisognerà incontrarli ancora nel presente e vedere dove i loro sogni, i loro ideali, le loro speranze, le loro illusioni, li abbiano condotti. Ed è lì, forse, nel passato, nella loro evoluzione/involuzione che si cela la chiave per capire l’enigma che oramai da trentacinque anni è sepolto fra le vecchie carte impolverate in un archivio della polizia.
Gunnar ed Eva si districheranno fra presente e passato, fra problemi familiari, conflitti quotidiani, beghe e riflessioni di vita per trovare la quadratura del cerchio. Riusciranno a scoprire la verità? E poi la verità sarà così semplice e lineare?
Come direbbe Nesser tutto dovrebbe essere “allright”… dovrebbe…

Articolo di Marta Naddeo

Dettagli del libro
  • Formato: Brossura
  • Editore: Guanda
  • Anno di pubblicazione: 2011
  • Collana: Narratori della Fenice
  • Lingua: Italiano
  • Titolo originale: De ensamma
  • Lingua originale: Svedese
  • Pagine: 471
  • Traduttore: B. Fagnoni
  • Codice EAN: 9788860884596
  • Prezzo di copertina: € 19,00

Nessun commento: