venerdì 25 febbraio 2011

Lezioni di tenebra – Enrico Pandiani (Instar Libri 2011)


Per poco meno di un ora il sacerdote aveva cercato di convincerci del culo che Martine aveva avuto a essere chiamata in cielo dal buon dio, mentre a noialtri poveri stronzi toccava di restarcene quaggiù a bere buoni vini, mangiare cibi deliziosi, scopare belle donne, soffrire, incazzarci, picchiarci, spararci, odiarci, amarci e volerci bene

Non era così che doveva andare la serata che avevano programmato l'ispettore Jean Pierre Mordenti e la sua compagnia Martine. La cena con una coppia di amici si è trasformata in un incubo. Improvvisa nausea e giramenti di testa tanto da costringere Martine, fotografa del prestigioso studio Art–en Images a riportare Mordenti di corsa a casa. Lei cerca parcheggio, lui entra da solo e trova l'appartamento a soqquadro e ad attenderlo una donna, alta, con il viso bendato da un foulard di seta nera, capelli a caschetto rossi, occhi di un azzurro glaciale e armata.
Mordenti cerca di reagire anche se le pareti gli girano intorno e riesce a stento a stare in piedi, ma lei ha la meglio, lo sbatte a destra e manca come uno straccio da spolvero e lo incapretta con una tecnica bondage chiamata Shibari. Quando Martine entra in casa rimane impietrita nel vedere il suo uomo legato e la rossa con la pistola in mano, non riesce a reagire neanche quando quel braccio si alza prende la mira e le le spara dritto al cuore per poi finirla con un colpo in testa.
L'indagine viene affidata a Les italiens, la squadra di “italiani del cazzo” della Crim parigina ma Mordenti è troppo coinvolto, vedersi ammazzare la donna sotto gli occhi farebbe incazzare chiunque, vuole mettere le mani intorno al collo della bastarda bendata e ucciderla e la sua sete di vendetta rischia di mettere a repentaglio l’intera indagine nonostante gli sia stata affiancata, per controllarlo e tenerlo a bada, la bellissima tenente Maëlis Delsandes.
Il caso è di quelli complicati, quelli in cui non si riesce a trovare il bandolo della matassa, in cui può accadere tutto e il contrario di tutto, compreso lasciarci la pelle, indagini a tutto campo che spaziano dai club prive dove si pratica il bondage, al mondo dell’arte passando per decine da morti, sparatorie, esplosioni, copli di scena a ripetizione, falsari eccezionali e collezionisti in delirio di onnipotenza e da Parigi a Torino dove in un rocambolesco finale tutti i tasselli andranno al loro posto.

Se con Les italiens è stato una novità e con Troppo piombo una conferma, con Lezioni di tenebra Pandiani è una certezza nel panorama della letteratura noir. Il suo stile è inconfondibile, graffiante e diretto, una miscela perfetta di violenza e humor. I protagonisti brillano di luce propria per descrizione e carattere, così come l'ambientazione sia che si tratti di Parigi che di Torino (a volte dimentico che il Pandiani è torinese!) è talmente accurata che sembra quasi di esserci. Dei tre romanzi questo è sicuramente quello con la trama più intricata e coinvolgente e con il maggior numero di personaggi e oserei dire, il più bello; la narrazione in prima persona di Mordenti ci rende ancora più partecipi e ci trascina nella sua anima nera di poliziotto incazzato, impulsivo, vendicativo, fuori da ogni stereotipo che lo rende più vero, vulnerabile e fragile. Pandiani crea dipendenza, leggere i suoi libri mi fa pensare al detto sulle ciliegie, “una tira l'altra”, ed è proprio così quando finisco un suo romanzo non vedo l'ora di leggere quello successivo, solo che forse dovrò aspettare un po'....... o no Monsieur Pandianì?

Leçon de ténèbre di Couperin
O vos omnes qui transits per viam
attendite et videte si est dolor sicut dolor meus
quonia vindemiavit me ut lucustus est
Dominus in die irae furori sui

la cattiveria è sempre nell'aria, ti tenta, ti blandisce, fa in fretta a entrarti dentro se trova uno spiraglio

Articolo di Cristina "cristing" Di Bonaventura

Dettagli dellibro
  • Formato: Brossura
  • Pagine: 359
  • Lingua: Italiano
  • Editore: Instar Libri
  • Anno di pubblicazione 2011
  • Codice EAN: 9788846101365
  • Prezzo di copertina: € 16,00

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Anche io sono una "fan" di Pandiani e sono d'accordo con te cristina, crea dipendenza! ho finito di leggere Lezioni di tenebra e mi è piaciuto molto e ne vorrei leggere subito un altro, bella recensione, complimenti...
Perfetta l'analisi di Mordenti

Federica

Martina_PL ha detto...

Ho iniziato a leggere i libri di Pandiani un po' col timore che non fossero del mio genere. Ma poi... me ne sono letteralmente innamorata: del suo stile, dei personaggi, di questi italiens particolari e di Mordenti, un "supereroe" molto sui generis ;-)
Per fortuna Lezioni di tenebra è già sul mio tavolo, dopo la recensione di Cri non vedo l'ora di leggerlo. E di incontrare monsieur Pandiani molto presto ^__^

Anonimo ha detto...

non vorrei che Enrico si gonfi la testa perchè sono solo sue fan che lo adulano. E' vero ci fa sentire abbastanza speciali e la maschilità del commissario è ruvida e molto sensuale... comunque sa scrivere dannatamente bene e ha uno stile che non si vede piu nel noir italiano... Pattie

BodyCold ha detto...

Pattie ti assicuro che non piace solo alle donne ^_^

Lofi ha detto...

Io che nel fisico e nell'intelligenza ricordo molto Mordenti (Enzo che hai da ridere?) adoro i libri del Signor Pandiani!
A parte gli scherzi, la bravissima Cri mi costringe a fare delle spese nel week end con questa sua recensione.

Frankie Machine ha detto...

Mi accodo, Pandiani spacca, non c'è niente di simile sul bel suolo natìo. E sono anch'io in lettura.

IL KILLER MANTOVANO ha detto...

Per ora mi sono sparato solo "Les italiens" ma sto recuperando velocemente terreno. Una ultim'ora imprevista conferma la visita mantovana del nostro Enrico a brevissimo. Mi troverà prontissimo ad accoglierlo sull'arena dei corpi freddi!!!!

Mari ha detto...

Ma si, che si monti pure la testa, se lo può permettere perchè scrive dannatamente bene!!!!W Pandiani e W Mordenti, non vedo l'ora di leggerlo, soprattutto dopo aver letto la recensione!!!!!

Foxina ha detto...

Mi piace moltissimo come scrive Pandiani, amo la sua durezza, l'ironia, la capacità di essere crudo e violento senza essere volgare. Lo adoro e gli perdono certi clichè che ripete immancabili in ogni storia. Anzi amo pure quelli, come si amano i tic di un amico.
Ho appena chiuso il libro sull'ultima pagina di Lezioni di Tenebra sono già qui ad aspettare la prossima avventura de Les Italiens.

Stefania ha detto...

Autore che devo assolutamente leggere!

uniroma.tv ha detto...

Al seguente link potete visionare il servizio sulla manifestazione annuale tenuta alla Sapienza sul romanzo noir contemporaneo.

http://www.uniroma.tv/?id_video=18229

Ufficio Stampa uniroma.tv
info@uniroma.tv
http://www.uniroma.tv