venerdì 24 dicembre 2010

Quattro casi per Hercule Poirot – Agatha Christie

"Va bene! Visto che ci siete voi, qui in scena, probabilmente, sarà un delitto!"

Non a caso "festeggiamo" il nostro tipo di Natale, il Natale da lettori maniaci compulsivi, con un Giallo Classico.Sarebbe stato facile recensendo un giallo/noir/post-noir/thriller/geo-noir/-punk-noir di quest' anno. Agatha, da molti non è stata considerata "la migliore", ma di certo un'impronta sul giallo l' ha lasciata e noi festeggiamo il Natale con voi con la recensione di uno dei suoi romanzi. Buon Natale Corpicini ;) (ndr)

"A Christie for Christmas" è stato per anni lo slogan con cui l'editore presentava i nuovi libri di Agatha Christie, quando uscivano per Natale. Rievocando quindi in qualche modo questa tradizione, vogliamo anche noi dei Corpi Freddi riproporre per queste vacanze la lettura di un classico della grande Agatha Christie. Quattro casi per Hercule Poirot raccoglie appunto quattro storie famose dove Hercule Poirot (a cui è chiaramente riferita la citazione iniziale) mette brillantemente alla prova le sue capacità investigative. Per l'ampiezza della trama e la caratterizzazione dei personaggi, più che dei racconti questi sono dei romanzi brevi, molto adatti quindi se si desidera leggere, o anche rileggere, qualcosa della Christie ed immergersi nelle tipiche atmosfere che lei sapeva creare così bene.

Delitto nei Mews
Omicidio o suicidio? Questo è il dilemma che si presenta di fronte a Poirot quando viene chiamato dall'amico, l'ispettore Japp, per aiutarlo a chiarire il mistero della morte della signora Allen. Il caso sembra subito quasi una camera chiusa perché la signora Allen viene ritrovata morta, con una pistola in mano, all'interno della sua stanza, chiusa a chiave dall'interno. Ma gli indizi sono contraddittori e non sempre l'apparenza corrisponde alla realtà. E, anche quando il lettore è ormai convinto di aver capito il meccanismo del giallo, la sorpresa è alle porte. Perché, secondo una convinzione che la Christie ripeteva sovente, "qualche volta l'assassinio può avere una giustificazione, ma è sempre un assassinio!"

Il furto incredibile
In questo caso Hercule Poirot non si trova di fronte ad un omicidio, ma al furto di importanti documenti militari top secret. L'ambientazione quindi è più da spy-story che da giallo classico. Lord Mayfield, proprietario di un'industria di costruzioni meccaniche, è anche primo ministro degli Armamenti ed ha invitato a casa sua per il weekend alcuni personaggi politici: un maresciallo dell'Aria con la moglie, una signora deputato al Parlamento ed un'affascinante signora sospettata di spionaggio a favore di una potenza straniera nemica. Come previsto, durante la serata scompaiono i progetti di un nuovo bombardiere segreto e la sospettata numero uno è proprio l'affascinante signora Vanderlyn.
La trama non è particolarmente originale e fu sfruttata dalla Christie anche per un altro racconto, I piani del sottomarino. Direi che questa è la storia più debole della raccolta, anche nella costruzione della soluzione, poco ingegnosa. D'altronde anche per i romanzi, quando si dedicò alle spy-stories, la Christie non diede origine a storie all'altezza dei suoi gialli più classici.

Lo specchio del morto
In questo romanzo breve (è il più lungo della raccolta) ritroviamo un'ambientazione tipica molto cara a Dame Agatha: una casa di campagna (con tanto di piantina del luogo del delitto), sir Gervase, ricchissimo padrone di casa, una famiglia dalle intricate parentele, un'eredità contesa. L'elemento insolito che scatena la curiosità di Poirot è il fatto che l'eccentrico padrone di casa lo contatta ancor prima che il delitto avvenga, per una sospetta truffa. Ma, quando Poirot si reca sul posto, trova morto, nel suo studio, proprio sir Gervase. L'ampiezza del romanzo permette uno sviluppo più completo della storia, dove Poirot può dar prova delle sue capacità investigative e deduttive.

Triangolo a Rodi
E' forse il più famoso dei quattro romanzi brevi che compongono questa raccolta. Con una trama molto simile all'altrettanto famoso Corpi al sole, la storia è ambientata nell'esotica isola di Rodi (esotica per gli inglesi di allora) ai tempi dell'occupazione italiana. In vacanza sull'isola, Poirot è testimone di un intricato triangolo amoroso che conduce fatalmente al delitto. La vittima è la fascinosa Valentine Dacres-Chantry, famosa per i suoi capricci, la sua ricchezza e i numerosi mariti e amanti avuti. Valentine si trova sull'isola col quinto marito, un burbero comandante di Marina sposato sei mesi prima, ma non manca di sfoggiare il suo fascino col giovane Douglas, anche lui sposato con l'insignificante Marjorie. Fra gelosie più o meno evidenti, la situazione degenera fino all'inevitabile delitto. Ma che cosa si nasconde veramente dietro la morte di Valentine? E' questa la vera sorpresa della storia. E l'imbattibile Poirot riuscirà come al solito a svelarcela.

Articolo di Martina “Palazzo Lavarda” Sartor

Dettagli del libro
  • Titolo: Quattro casi per Hercule Poirot
  • Autore: Agatha Christie
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar Scrittori del Novecento
  • Traduttore: Grazia Griffini e Lidia Lax
  • Pagine: 364
  • ISBN: 8804397616
  • Prezzo: Euro 6,20

4 commenti:

IL KILLER MANTOVANO ha detto...

E così sia. Tanti auguri da parte del sottoscritto a tutti i fratelli e sorelle corpi freddi e a tutti i lettori affezionati del nostro blog.
E un saluto pure alla Regina del Giallo Agatha Christie che ci guarda da lassù.

Anonimo ha detto...

Mi associo al grande Killer perr gli auguri a tutti quelli che collaborano e ci leggono.
Fabio

Martina_PL ha detto...

E, da parte mia, non poteva che essere un augurio con la grande Dame Agatha. Buon Natale

AmosGitai ha detto...

Tanti, tanti auguri di buon Natale!

(((CINEMAeVIAGGI)))