giovedì 30 luglio 2009

L'isola della paura - Dennis Lehane


Io sono il 47...chi è il paziente 67 ??

Lehane è un genio, qui l’imprimo in maniera permanente. Delle decine di autori che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente nei Festival Mantovani lui è stato quello che più mi ha colpito: matto come un cavallo, dotato di carisma da vendere e totalmente fuori dalle righe; d’altronde se guardiamo la produzione letteraria dell’autore ci rendiamo conto che da buon artista bizzoso non ha mai seguito la corrente del facile guadagno cercando, con coraggio, di mettersi sempre in discussione: dal capolavoro Mystic River (considerato uno dei migliori romanzi di genere mai creati), alla frizzante saga hard boiled della indimenticabile coppia Mckenzie-Gennaro fino al mega tomo storico-avventuroso di oltre 700 pagine “The given day” (in uscita a novembre 2009 per Piemme).
E infine appunto questo “L’isola della paura” (Shutter Island) che si rivela essenzialmente un fantastico mystery pregno di una componente suspense tipicamente hitchcockiana.
Anno 1954: due agenti federali vengono inviati sull’isola di Shutter per ritrovare una pericolosa psicopatica fuggita apparentemente dal manicomio criminale. Ma qualcosa non quadra, sembra che in quell’ospedale ci sia qualcosa di sospetto. Ci si mette pure un terribile uragano a complicare ulteriormente le cose….ovviamente non aggiungo altro per non rovinare il piacere della lettura.

L’isola della paura” è caratterizzato da un ritmo serrato che ti inchioda alla poltrona, già la location in questo senso è dannatamente suggestiva; innegabile che diversi autori già in passato hanno dato vita ad opere fondamentali che si svolgono su isole,basti citare “Dieci piccoli indiani” uno dei capolavori assoluti di Agatha Christie o quella perla del mystery classico di Hake Talbot “Terrore nell’isola” scritto nel 1942 che invito tutti gli amanti del giallo a riscoprire; ambientare una vicenda in un luogo sconquassato dalla furia degli elementi dal quale è impossibile scappare genera nel lettore un senso di angoscia e impotenza unico. Ma in questo mystery moderno ci mette qualcosa in più: molto semplicemente T’INSTILLA LA PARANOIA, ogni pagina ti pone nuove verità e menzogne, non sai più a cosa credere o addirittura se l’autore è completamente impazzito.
E quando arrivi alla soluzione finale che ti lascia a bocca aperta, (seppure devo dire che da scafato lettore di gialli classici qualcosa avevo intuito,) non puoi fare a meno di rimanerne compiaciuto nonostante il malefico Lehane si beffi ulteriormente di te con un ultimo enigmatico colpo da maestro che ti fa crescere il germe del dubbio e di essere effettivamente venuto a capo di tutti i tasselli.
Ora sono davvero curioso di vedere l’imminente trasposizione cinematografica di Martin Scorsese con Leonardo di Caprio, il romanzo si presta certamente ad una operazione di tale tipo.



Per quel che mi riguarda davvero un ottimo libro.

Articolo del Killer Mantovano

Dettagli del libro
  • Formato: Rilegato
  • Pagine: 379
  • Lingua: Italiano
  • Titolo originale: Shutter Island
  • Lingua originale: Inglese
  • Editore: Piemme
  • Anno di pubblicazione 2005
  • Codice EAN: 9788838481901
  • Traduttore: Chiara Bellitti

8 commenti:

Lofi ha detto...

Libro bellissimo. Recensione sublime. Complimenti al Killer.

Palazzo Lavarda ha detto...

Grande, Killer!

Chiara ha detto...

sempre preso in mano e poi lasciato sullo scaffale della biblioteca...
dovrò rimediare!
complimenti killer!

Linda80 ha detto...

Grandissimo Killer! Un nuovo attentato per il mio portafoglio :-(

Anonimo ha detto...

Con sto commento mi hai già steso Killer. Lo devo trovare sto libro!!!
Blueberry

Frankie Machine ha detto...

Grazie grazie grazie Killer, un gran commento per una storia indimenticabile. Di Lehane ho solo ricordi bellissimi, li rileggerei tutti se non avessi una fila così di arretrato. Il film non me lo perdo e il prossimo libro pure, grazie per le news!

Jimbose ha detto...

Caspita! Oggi l'ho trovato in un ufficio postale mentre ero in attesa di pagare una bolletta. Costava 2.90 € e.... me lo sono lasciato sfuggire. Me tapino!

Mari ha detto...

Letto da poco....pienamente d'accordo con Marco, Lehane spacca!